Ominide 13 punti

Zeno Cosini essendo affetto da nevrosi, decide di intraprendere un percorso di cura presso lo studio del Dottor S. il quale, affida al suo paziente il compito di scrivere del suo passato: la scrittura presenta una terapia psicologica. Zeno inizia perciò a raccontare del suo passato, del fumo e dei vari e falliti tentativi di smettere, raconta del difficile rapporto con il padre, del matrimonio con Augusta -compiuto nonostante Zeno desiderasse la sorella,Ada- e dell'attività commerciale intrapresa con il cognato Guido. Infine arriva a scrivere degli anni 1915-1916 in cui decide di smettere la terapia e di intraprendere l'autoanalisi. Il Dottor S per vendicarsi, decide di pubblicare tutto ciò che Zeno aveva scritto del suo passato. L'opera si articola sei nuclei tematici (il fumo, la morte del padre, la storia del matrimonio, la moglie e l'amante, storia di un'associazione commerciale e psicoanalisi) anticipati dalla prefazione del Dottor S( in cui spiega il motivo per cui decide di renddere pubbliche le vicenze di Zeno) e dal preambolo di Zeno.

la tecnica utilizzata è il monologo interiore che accoglie qualsiasi pensiero di Zeno e che fa parlare direttamente la mente: in questo modo si annulla il ruolo che l'autore ha di mediatore e il tempo degli avvenimenti descritti è un tempo definito misto in quanto si segue la memoria del narratore (Zeno) e non un tempo cronologico. Il narratore è interno ma si sdoppia in Io narrante ed Io narrato in Zeno come colui che narra gli avvenimenti, e Zeno come protagonista delle vicende. il narratore si presenta inoltre come inaffidabile in quanto agiscono in lui i vari tentativi di eliminare ciò che per lui sono i motivi della sua sofferenza. il lettore viene quindi messo in una condizione in cui può fare delle libere interpretazioni, con la possibilità che venga indotto a credere alla menzogna.
Zeno non vuole rinunziare alla sua condizione di malato, bensì vuole rivendicarla: grazie alla sua profonda coscienza Zeno capisce che la società con la quale è costretto a vivere, è una società sorretta e portata avanti da inganni, inganni che Zeno non è pronto ad accettare, inganni dai quali è intenzionato ad allontanarsi. Zeno però è alla continua ricerca di un equ8ilibrio irraggiungibile che provocherà in lui la perenne sensazione di ineguatezza all'interno della società.
il protagonista si presenta inoltre come una figura che pone continuamente in dubbio se stesso, le sue azioni e la società dando all'opera uno stile spontaneo ed ironico.

Hai bisogno di aiuto in Autori e Opere 900?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Svevo, Italo - La coscienza di Zeno