La coscienza di Zeno : Il conflitto con il padre

- Definizione di Inetto come figura incapace di realizzarsi concretamente nella vita non riuscendo ad assumere i tratti caratteristici della figura paterna.
- Disprezzo nascosto verso il padre
Zeno vuole essere un inetto per contrapporsi alle solide certezze che invece appartengono totalmente al padre borghese
- > Trasforma questi impulsi in sensi di colpa non ammettendoli alla propria coscienza; si crea alibi e autoinganni in una prospettiva totalmente inattendibile.

La coscienza di Zeno, nell'episodio dello schiaffo da parte del padre, vecchio e malato, è l'opera di Svevo che analizza nel modo più adatto il conflitto con la figura paterna.

Il padre di Zeno , ormai vecchio e in fin di vita, in preda alla confusione mentale ha la sensazione che il figlio gli voglia negare l’aria avvertendo quell’odio represso che c’è in lui; la conseguenza di ciò è uno schiaffo a Zeno.

Quest’ultimo si sente come un “bambino punito” e la sua interiorità viene avvolta da un forte senso di colpa. Subito egli si tenta di dimostrare la propria innocenza, che però è impedito dalla successiva morte del padre.
Alla fine il protagonista si adatta al ruolo infantile della debolezza nei confronti del genitore, arrivando all’obiettivo di sentirsi “buono, buono ”.

Hai bisogno di aiuto in Autori e Opere 900?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email