Il ritorno di Anguilla da La luna e i falò di Cesare Pavese


Appunto di italiano una breve sintesi schematica con i temi centrali del primo capitolo La luna e i falò di Cesare Pavese.
Anguilla – soprannome del protagonista e narratore in prima persona – dopo essere emigrato in America e avervi fatto fortuna, torna nelle Langhe e ricorda la povertà di quel suo passato. Ora nei luoghi dove è tornato quasi tutto è cambiato; c’è ancora Nuto, l’amico di allora, che, a differenza di Anguilla, non si è mai allontanato dalle Langhe, non ha inseguito sogni di avventura e di ricchezza.
In questo primo capitolo del romanzo si ritrovano i temi centrali dell’intera opera pavesiana, ossia:
• L’infanzia vissuta sulla colina.campagna;
• Il distacco da essa e l’esperienza del mondo della città;
• Il ritorno e la dolorosa constatazione del cambiamento.
La contrapposizione fra attaccamento al mondo delle origini e fuga da esso si materializza nelle figure di Nuto e di Anguilla. Anguilla- che non è nato in quel paese, che se n’è andato, che torna ma presagisce subito che quel mondo non potrà più essere suo – è l’uomo senza radici nella terra dell’infanzia ed è perciò uno che non troverà mai un sereno equilibrio; Nuto è nato lì, non si è mai allontanato, è colui che, come si vede nello svolgimento del romanzo, custodisce nella memoria la storia dei cambiamenti, ma anche della continuità di quel mondo.
L’io narrante: Nei romanzi di Pavese quasi sempre il protagonista è anche il narratore, ossia il racconto è in prima persona (è l’uso del cosiddetto “io narrante”).
La coloritura gergale e dialettale utilizzata da Pavese nei suoi scritti del dopoguerra si trasforma, nelle sue ultime opere, come appunto La luna e i falò, in un linguaggio dall’equilibrio praticamente perfetto che utilizza temi “italianissimi” mescolati a vocaboli della lingua parlata.
Hai bisogno di aiuto in Autori e Opere 900?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email