Ominide 413 punti

Ermetismo e Quasimodo

Ermetismo

Negli anni 20 l la lirica italiana si divide in tre filoni.
  • • Linea novecentista, è sostenuta da Ungaretti e i poeti ermetici.
    • Linee anti novecentiste, sostenute da Saba e la poesia narrativa e Montale con la poesia allegorica.
Il nome ermetismo è stato coniato da un critico letterario Flora, che trovava le poesie del novecento ardue e chiuse.
L’ermetismo nasce nel 1932 con le opere Isola di Alfonso Gatto e Oboe sommerso di Quasimodo, si svilupperà a Firenze nel periodo 1935-43. Le caratteristiche dell’ermetismo sono:
  • 1. Recupero di tendenze simboliste
    2. Uso prevalente dell’endecasillabo, poiché avevano così più spazio per descrivere i contenuti
    3. Poche immagini evocative
    4. Riduzione del lessico a parole chiave
    5. Soppressione delle determinazioni (come gli articoli) per rendere assoluta e universale la poesia
    6. Eliminazione dei nessi grammaticali e sintattici
Quasimodo nasce in Sicilia nel 1901. Si trasferisce a Firenze, dove pubblica le sue prime poesie nella rivista “Solaria”. Si trasferisce a Milano, dove lavora come giornalista. Esce la raccolta di tutta la sua produzione precedente Ed è subito sera. Riceve il premio Nobel per la letteratura. La sua produzione poetica è chiaramente ispirata alla letteratura ermetica. Nei suoi testi compaiono moltissime descrizioni, ma non vi sono mai riferimenti temporali, rendendo così il racconto astratto e divinizzato. Trasforma la terra siciliana in un luogo favoloso e irreale.
Hai bisogno di aiuto in Autori e Opere 900?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email