Ominide 83 punti

Grazia Deledda

Grazia Deledda è stata una scittrice italiana, prima donna a ricevere il premio Nobel per la letteratura nel 1936.

1871: nasce a Nuoro, in Sardegna, dove la sua formazione letteraria avviene da autodidatta nell'ambito di una famiglia in cui il padre si interessava di poesia e componeva versi in sardo

1887: invia alcuni racconti a Roma e scrive il romanzo che verrà pubblicato a puntate: Memorie di Fernanda.

Nel 1890 uscirono L'avvenire della Sardegna, Stella d'Oriente e Nell'azzurro (novelle per l'infanzia).
Pubblica Anime Oneste e La via del male che contengono tutti i temi che caratterizzano le opere più mature.

1890:sposò Palmiro Madesani, che lasciò il lavoro di funzionario statale per dedicarsi all'attività di agente letterario della moglie.
1903:Elias Portulo la confermò come scrittrice e l'avvio ad una serie di romanzi e opere teatrali: Cenere (1904), L'Edera(1908), Sino al confine(1910), Colombi e sparvieri(1912), Canne al vento(1913).

1927:Le viene conferito il premio Nobel per la letteratura 1926 che, per mancanza di requisiti, non era stato vinto da nessun candidato dell'anno precedente

1936:muore a causa di un tumore al seno il 15 o 16 Agosto

1937:viene pubblicato Cosima, romanzo autobiografico

Pensiero e Poetica

La Sardegna assume il ruolo di protagonista nell'attività letteraria di Deledda
Le tematiche che ricorrono sono:
-l'etica patriarcale del mondo sardo;

-la presenza del Fato che governa l'esistenza umana;

-forza della passione e del senso del peccato in una concezione religiosa della vita.

La sua formazione culturale, pur assumendo carattere assai personale, si può collocare tra decadentismo e verismo.
Gli scritti di deledda si adattavano bene alla narrazione cinematografica, infatti sui suoi romanzi La madre, L'edera e Cenere vengono basati dei film. Quest'ultimo nel 1916 viene lasciato incompleto a causa dell'approssimarsi della guerra.

Hai bisogno di aiuto in Autori e Opere 900?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email