sc1512 di sc1512
Ominide 5764 punti

-Niccolò Machiavelli-

Nicolò Machiavelli nacque a Firenze nel 1469; egli fu un Trattatista, figura nata nel periodo Umanistico-Rinascimentale, ossia un autore di trattati che non si soffermava ad un’unica conoscenza, ma aveva una grande cultura.
Il genere della Trattatistica nacque in età classica a Roma nel periodo pre-imperiale, con autori come Seneca o Cicerone; questi autori trattavano principalmente di argomenti riguardanti la politica, quindi i loro trattati erano di tipo politico, così come lo è la grande opera scritta da Machiavelli, il ‘Principe’.
I Trattati non avevano funzione di intrattenere o divertire coloro che li leggevano, ma avevano una funzione pragmatica (aveva finalità concrete) e utile alla società.

Machiavelli durante la sua vita si dedicò ad attività politiche presso la Repubblica di Firenze, infatti girò per l’Europa, principalmente in Francia e Germania (oltre ovviamente all’Italia), per svolgere attività diplomatiche.

Durante uno di questi incarichi conobbe Cesare Borgia, figlio del Papa Alessandro VI, persona a cui egli fa riferimento nel ‘Principe’, poiché al tempo era visto come colui che avrebbe potuto riunire nella sua persona il potere di tutta Italia.
Quando a capo di Firenze andò la Signoria dei Medici, Machiavelli non venne ben visto da loro, poiché aveva fatto parte della precedente Repubblica e quindi poteva avere idee repubblicane, differenti da quelle dei Medici.
Visto ciò, si ritirò in una sorta di esilio presso la sua villa dell’Albergaccio.
Però egli voleva continuare la sua carriera politica, quindi tentò di riavvicinarsi ai Medici scrivendo il ‘Principe’ e dicandolo a Lorenzo de’ Medici.
Nel 1519 muore Lorenzo e sale al potere il cardinale Giulio de’ Medici, il quale fa riavvicinare a Firenze Machiavelli, affidandogli alcuni incarichi politici.

Morì il 21 giugno 1527 a causa di una malattia improvvisa.

Hai bisogno di aiuto in Vita e opere di Machiavelli?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email