sc1512 di sc1512
Ominide 5764 punti

-La Mandragola-

Oltre ad essere un trattatista politico, Machiavelli si dedico anche alla stesura di alcune Commedie, poiché era solito tra gli autori umanisti-rinascimentali scrivere opere di diversi generi letterali.
La sua più famosa commedia è la 'Mandragola', commedia che si rivolge ad un pubblico gaudente, ossia un pubblico che vedeva in questa forma di teatro un modo per divertirsi.
La Mandragola fa riferimento a Boccaccio e Plauto per certe tematiche, come per i temi della superbia, dell'amore o dell'invidia.

-Trama-

In questa commedia vi è un vecchio, Nicia, avido e stolto (come Euclione nell'Aulularia di Plauto), sposato con una donna bellissima e più giovane di lui.
Vi è anche un giovane fiorentino, il quale è interessato ad andare con questa donna, ma il marito la tiene sottochiave.
L'anziano voleva avere figli, ma non riusciva ad averne con la donna che aveva sposato, e a quest'ultima attribuiva la colpa di ciò, mentre in realtà era sua.

Il ragazzo fiorentino, travestitosi da medico, dice che Nicia potrà avere figli se userà la Mandragola, pianta dai forti poteri afrodisiaci; però chiunque prende la Mandragola e poi va con una donna muore, quindi Nicia avrebbe dovuto trovare qualcuno da mandare a mettere incinta sua moglie al posto suo, poiché non voleva rischiare di morire; in realtà tutto ciò non era vero.
Quindi il giovane fiorentino Callimaco ha la possibilità di andare a letto con la donna di Nicia in delle terme (bagni) e ovviamente non muore.

Questa Commedia ebbe successo poiché prende in giro i ricchi ed esalta l'intelletto e l'astuzia.

Hai bisogno di aiuto in Vita e opere di Machiavelli?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email