Ominide 2487 punti

Guido Guizzinelli: la vita

Della vita di Guido Guizzinelli conosciamo molto poco. Quasi certamente il poeta nasce nel 1235 da un'antica famiglia ghibellina di Bologna, città in cui esercita la carriera di giudice e partecipa alla vita politica tanto da essere esiliato a Monselice, dove muore intorno al 1276. Nonostante ci abbia lasciato pochi componimenti (cinque canzoni, quindici sonetti e alcuni frammenti), composti tra il 1265 e il 1276, Guido Guizzinelli è una figura molto importante per la poesia del XIII secolo.
Io voglio veder la mia donna laudare

Questo sonetto è un chiaro esempio dei temi trattati dai poeti stilonovisti. Guizzinelli, che considera la donna amata come la più perfetta delle creature viventi, prima la paragona ai fiori, alle stelle e alle pietre preziose per la straordinaria bellezza, poi ne mette in evidenza le doti spirituali: con il suo saluto, infatti, ella rende umili gli orgogliosi.
Io voglio del ver la mia donna laudare
ed assemblarli la rosa e lo giglio:
più che stella diana splende e pare,
e ciò ch' è lassù bello a lei somiglio.

Verde river' a lei rasembro e l'âre
tutti color di fior', giano e vermiglio,
oro ed azzurro e ricche gioi per dare:
medesmo Amor per lei rafina meglio.

Passa per via adorna, e sì gentile
ch' abassa orgoglio a cui dona salute,
e fa 'l de nostra fé se non la crede;

e no-lle pò apressare om che sia vile;
ancor ve dirò c'ha maggior virtute:
null'om pò mal pensar fin che la vede.

Parafrasi
Io voglio lodare la mia donna in modo veritiero
e paragonare a lei rosa e il giglio: ella appare
più splendente della luce della stella del mattino
e ciò che c'è di bello in cielo, lo paragona a lei.

A lei paragono la verde campagna e l'aria,
tutti i colori dei fiori, il giallo e il rosso, l'oro
e le pietre azzurre e i ricchi degni di essere regalati: anche Amore per merito suo diviene più raffinato.
Ella passa per strada tanto bella e nobile da abbattere l'orgoglio di colui
che saluta e da convertirlo alla nostra fede se non è credente;

a lei non possono avvicinarsi uomini di animo
maschino; e vi dirò che ella ha anche una virtù maggiore: nessuno

può avere cattivi pensieri quando la vede.

Hai bisogno di aiuto in Autori e opere?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email