Questo appunto contiene un allegato
Alighieri, Dante - Tanto gentile e tanto onesta pare (7) scaricato 0 volte

Tanto gentile e tanto onesta pare di Dante Alighieri

Tanto gentile e tanto onesta appare
La mia donna quando saluta gli altri,
Ogni parola ammutolisce per l’emozione
E gli occhi non osano guardarla

Ella va sentendosi lodare
Con un atteggiamento d’umiltà e bontà
Pare che l’umiltà e la bontà rivestano la sua figura esteriore
E si fa evidente

Pare così bella a chi la guarda,
Che infonde una tale dolcezza attraverso gli occhi
Nel cuore di chi la guarda
Nessuno la può capire se non la prova

Pare che dalle sue labbra si muova
Uno spirito soave pieno d’amore
Che dice all'anima: Sospira.

Vita Nova, capitolo XXVI

Il tema principale della lirica è il personaggio di Beatrice, il suo mostrarsi e ricevere le lodi, il suo essere manifestazione concreta e visibile di un ''miracolo'', simbolo della perfezione divina e veicolo per gli uomini di purificazione e beatitudine.

Beatrice è appunto la ''musa'' ispiratrice di Dante che lo accompagnerà anche nel suo avventuroso viaggio al paradiso. C'è chi dice che Beatrice veniva vista da dante oltre che come ''miracolo'' anche come una creatura divina scesa dal cielo perché troppo dolce, graziosa e quasi perfetta.
Beatrice, come dice il testo, veniva lodata per il suo aspetto e molto più importante per il carattere praticamente unico per una ragazza di quei tempi.

Hai bisogno di aiuto in Autori e opere?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email