Ominide 1909 punti

Prende l’avvio dalle corti d’Aquitania e di Provenza, dove i trovadori (un compositore ed esecutore di poesia lirica occitana, ovvero di testi poetici e melodie, che utilizzava la lingua d'oc, parlata, in differenti varietà regionali, in quasi tutta la Francia a sud della Loira) iniziando ad essere pagati e ospitati nelle corti, dove cantano componimenti a carattere amoroso e d’elogio dei signori che li ospitano. Trovatore viene dal latino trobar, una sollecitazione di carattere culturale.

È un livello d’avanzamento che al castello feudale venga dato spazio a un menestrello. C’è una formazione di tempo, spazio e mentalità per la poesia. L’idea di cultura odierna non esisteva, poiché l’aristocratico doveva saper combattere e cavalcare. La cultura di un nobile era addestramento ginnico.

Dopo il 1000 in alcune corti si inizia a dare spazio all’intrattenimento musicale e poetico. L’ideale è ancora di difesa dei deboli e conquista della dama.

De Amore, trattato di Andrea Cappellano. Il suo fine è quello di offrire le regole fondamentali del comportamento amoroso e Definire in che cosa consiste il Fin'Amor. L’argomento è pruriginoso e poco considerato.

Questa opera consiste in una regola sull’amore, che non è contemplato all’interno del matrimonio (stiamo parlando di classi più alte) poiché la stragrande maggioranza di questi è fatto per procura o interesse.

Nelle classi basse esistevano ancora contratti. La famiglia era finalizzata alla procreazione per aver sostegno nella vecchiaia.

Nonostante si sia così lontani dall’analisi vera e propria dell’ amore, in Francia iniziano ad esserci dei musicisti itineranti che lo cantano. L’abitudine era di fare composizioni in onore della castellana. La donna non prende però grazie a questo del peso sociale, poiché la sua importanza resta in relazione al patrimonio dotale. Il cantore della corte intrattiene i nobili con un’idea raffinata e sentimentale dell’amore. Il costume vuole che la castellana dia fedeltà al marito ma fra loro non c’era sentimento. Tale Sordello da Goito fu uno tra i più importanti trovatori dell'Italia settentrionale (territorio di Mantova) ad ispirarsi nella sua attività poetica al modello provenzale adottando la lingua d'oc per i suoi versi. scappa con Cunizza da Romano, ma La fama di Sordello è dovuta principalmente al ritratto che poeticamente ne delineò Dante Alighieri nei canti VI, VII e VIII del Purgatorio .

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email