kia59 di kia59
Ominide 94 punti
Il Teatro Rinascimentale

Il testo teatrale è diverso da quello narrativo perché non c'è un narratore e non ci sono descrizioni d'ambiente o di personaggi. Tutto è affidato ai dialoghi, alle battute e alle didascalie. Il teatro nasce quindi, nel momento in cui viene "messo in scena" il testo. Mentre prima dell'epoca rinascimentale la letteratura teatrale era costituita solo da testi sacri (con strutture come i misteri e le moralità), nel 500 vengono riscoperti i classici latini e il teatro inizia ad avere soggetti mitologici o di storia antica. Quando si trattava di rappresentazioni sacre, la tradizione voleva che si recitasse all'aperto nelle piazze o nei cortili delle locande; col passaggio alla produzione laica, si sente la necessità di creare appositi spazi teatrali. A Londra, centro del Teatro Elisabettiano, viene costruito il primo teatro, il "Theater", che in seguito viene demolito e nel 1598 ne viene costruito un altro più spazioso e attrezzato, il "Globe Theater", dove lavorò Shakespeare. In seguito nel 1608, ne viene costruito anche uno coperto, il "Blackfriars", dove si esibì spesso la compagnia dei King's men (per cui Shakespeare fu autore di diversi testi). Il teatro diventa un passatempo molto diffuso, alcuni però si recano al teatro per altri motivi tra cui: bere birra a volontà e mangiare dolci, noci, ecc; per mettersi in mostra; per fare incontri con prostitute che frequentavano i teatri per cercare clienti. L'atmosfera tra il pubblico era quindi molto rumorosa e vivace, molte volte erano indisciplinati e interrompevano per fare il tifo ed esprimere le loro disapprovazioni. Il genere preferito era la tragedia cupa e macabra ispirata alle tragedie del filosofo latino Seneca. Gli attori erano tutti maschi che recitavano anche in ruoli femminili. La loro attività viene dichiarata ufficialmente una professione nel 1574. Le scenografie erano molto semplici, cartelli con didascalie indicavano il tempo in cui si svolgeva l'azione e le scene non esistevano. Venivano usati solo alcuni oggetti (per esempio, un tavolo) per indicare il luogo fisico dell'azione. Gli spettacoli all'aperto erano per un pubblico popolare, mentre quelli nei teatri per un pubblico colto e di ceto sociale elevato. Il richiamo a generi classici, da origine a nuovi generi tra cui: il dramma pastorale e il melodramma dove si recitava cantando (caratteristiche principali del melodramma sono: parole semplici per favorire la comprensione dei canti, forme poetiche molto ritmate, distinzioni tra voci soliste o parti d'assieme, per esempio i cori). Un contributo all'evoluzione del teatro viene data anche dalla cultura popolare italiana, con la Commedia dell'arte, una forma di teatro comico recitato da attori di professione che sulle linee di un canovaccio, improvvisano e danno origine alle "maschere" che riproducevano un "carattere e una funzione sociale" e che in origine erano 4: Pantalone, Balanzone, Arlecchino e Brighella. Si diffuse l'organizzazione di compagnie professionali e permanenti, alcune delle quali restano "gruppi girovaghi", mentre altre vengono assunte alle dipendenze di sovrani, corti, o organizzazioni religiose, contribuendo così alla nascita di Teatri Stabili.
Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico Letterario?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017