Genius 19212 punti

Leopardi: Pensiero e poetica - Questionario

1. Quasi sono i riferimenti filosofici e letterari della cultura di Leopardi?
Leopardi fa una riflessione sulla condizione dell’esistenza dell’uomo e sulla sua infelicità, facendo riferimento al materialismo e al pessimismo, senza dare spazio ad una visione religiosa del mondo
2. Qual è la visione della natura di Leopardi nella fase del “pessimismo storico”?
Nella fase del pessimismo storico, la Natura è maligna perché dà all’uomo il desiderio ed il bisogno della felicità senza però dargli la possibilità di raggiungerla. La vita è dominata da un meccanismo crudele che ha come unico scopo la conservazione dell’esistenza (dalla nascita alla morte). La Natura resta indifferente di fronte al dolore dell’uomo; il dolore fa parte della struttura di tutto l’universo.
3. Sintetizza la “teoria del piacere”
E’ la teoria che spiega l’origine dell’infelicità dell’uomo. L’uomo cerca di raggiungere la felicità con i sensi. La felicità che esso vorrebbe raggiungere è infinita, ma la realtà e l’uomo stesso è un essere limitato e quindi finito. L’unica forma di piacere che gli resta è il piacere illusorio, che può essere raggiunto tramite l’illusione, il ricordo e l’attesa di un momento felice, non ben precisato che si pensa arriverà.
4. Come cambia il pensiero di leopardi nel passaggio al “pessimismo cosmico”?
Leopardi si accorge che l’infelicità non è la caratteristica di una determinata epoca storica o di un uomo in particolare. L’infelicità caratterizza tutte le epoche e tutti gli esseri viventi perché la Natura ci ha dato il bisogno di felicità, ma non i mezzi per soddisfarlo. Il dolore, il tormento materiale è un elemento che costituisce la struttura di tutto l’universo
5. Quali valori emergono nell’ultima fase della produzione poetica di leopardi?
Essi sono la solidarietà e la fratellanza di tutti gli uomini che nella loro infelicità si uniscono per trovare conforto a vicenda e contrastare l il carattere maligno della Natura.
6. Nella disputa tra classicisti e romantici a favore di quale posizione si schiera Leopardi e per quale motivo?
Egli si schiera a fianco dei classicisti perché la cultura moderna (e quindi romantica) ha perduto ogni forma di immaginazione, cosa che invece possedevano gli scrittori classici. Inoltre questi ultimi erano più vicini alla natura con cui avevano un rapporto armonioso.
7. Su quali principi si fonda la poetica del “vago e dell’indefinito”
Essa si base sul principio che le immagini non devono avere dei contorni netti, devono essere vaghe e indefinite per stimolare l’immaginazione e permettere all’uomo di raggiungere un piacere illimitato.
8. In quali prose Leopardi elabora una “lingua filosofica” e come incide sulla poesia degli ultimi anni?
La lingua filosofica viene elaborata nelle Operette morali. Negli ultimi anni, la poesia deve diffondere fra gli uomini la conoscenza della loro vera condizione fatta di sofferenze affinché arrivino ad accettarla con dignità. E’ quello che viene chiamato “pensiero poetante”
9. Quali caratteristiche hanno le liriche dell’ultimo Leopardi?
La poesia deve diffondere le conquiste della ragione, aiutare gli uomini a difendere i propri sentimenti e favorire il suo bisogno di bellezza. Gli uomini devono anche accettare il loro destino di sofferenza e riscoprire il valore della solidarietà umana.
Hai bisogno di aiuto in Giacomo Leopardi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email