Ominide 3880 punti

Leopardi

Leopardi nacque nel 1798, nel 1816 ha 18 anni e scrisse una lettera sul romanticismo. Leopardi dice la sua perché comunque è recluso in un paesino e lo fa spedendo una lettera ai compilatori dell’antologia italiana. Leopardi risponde all’intervento di Madame de Stael che è una donna acculturata, di alto rango sia sociale che appunto culturale che scrisse nel 1816 una lettera ai letterati italiani dove accusava gli italiani di essere legati alla tradizione e di non volersi modernizzare prendendo come esempio la letteratura europea. Madame de Stael scrive un’epistole invitando i letterati a tradurre le opere straniere in italiano. Lei non vuole fare altro che fare un critica al classicismo italiano che era tipico di quel periodo soprattutto con la figura di Leopardi e Alfieri. La lettera semi-seria è un’accusa, scritta da Berchet il quale si scaglia a favore di Madame contro il classicismo italiano. Leopardi all’inizio sembra essere un’anti romantico anche se noi lo inseriamo come l’autore chiave del romanticismo, ma lui non si definisce tale di fatti nel dibattito è intervenuto per difendere il classicismo ma nella giustificazione di tale atto dimostra di essere romantico perché Leopardi dice in termini negativi che nella poesia moderna c’è una poesia manchevole dell’immaginazione la quale era protagonista sono nella poesia antica. Quindi avendo perso la poesia si è perso l’immaginazione. Per lui non c’è poesia se non c’è immaginazione e prende coscienza che nel classicismo si è persa l’immaginazione perdendo quindi la poesia. Per lui il classicismo non è la forma esterna a il contenuto ovvero i valori dicendo che la società contemporanea è manchevole non solo di immaginazione ma proprio di valori. Quindi il contrasto tra le età antiche e contemporanee deriva da uno scarto valoriale dell’antichità rispetto al presente. Leopardi ci dice di nuovo che l’eroe romantico non si rispecchia nel suo tempo. Praticamente lui afferma di non essere romantico ma parla di immaginazione, dimensione interiore e inadeguatezza nel suo tempo le quali sono appunto caratteristiche tipiche del Romanticismo.

Hai bisogno di aiuto in Giacomo Leopardi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email