Ominide 1144 punti

Giuseppe Ungaretti: L’Allegria, le tematiche

In trincea nasce la maggior parte delle liriche del Porto sepolto, il diario dal fronte, confluito dapprima nella raccolta Allegria del 31 e in quella definitiva del 42. La raccolta è formata da settanta liriche in totale, suddivise nelle seguenti sezioni: Ultime, Il porto sepolto, Naufragi, Girovago, Prime.

Le tematiche

La prima produzione di Ungaretti nasce in seguito alla riflessione sulla sofferenza e sulla drammaticità della guerra. Sulla scia del poeta francese Baudelaire, Ungaretti attribuisce alla poesia la funzione di un’indagine condotta dall'intuito, per raggiungere la verità della vita. La raccolta dal titolo Il porto sepolto ha come tematica centrale la ricerca della poesia. Il titolo nasce da un lontano ricordo della fanciullezza del poeta: fu scoperto vicino ad Alessandria un porto sommerso in fondo al mare della sabbia del deserto, di epoca precedente alla fondazione della città qual è ora e di cui non si sa nulla, che diviene simbolo del mistero dell’esistenza, di ciò che di segreto rimane in noi indecifrabile.

Il porto sepolto e Allegria di naufragi sono anche i titoli di due liriche. La prima costituisce una dichiarazione di Ungaretti, per cui la poesia è portatrice di un inesauribile segreto. Il poeta, attraverso l’esperienza drammatica della guerra e della morte, tenta di decifrare il mistero della vita, per poi offrirlo agli uomini con i suoi versi: la parola riposta alla luce ciò che rimane nell'abisso dell’inconscio, per evocare i momenti che segnano l’esistenza dell’uomo e per poter far fiorire la vita.
Allegria di naufragi esprime una concezione della vita che vuole l’uomo, come un vecchio lupo di mare, dopo sconfitte e delusioni, riprendere il cammino della vita.

Hai bisogno di aiuto in Giuseppe Ungaretti?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email