Erectus 2101 punti

Anticamente viveva a Firenze un giovane , figlio di Filippo Alberighi, conosciuto da tutti per le sue qualità. Egli si innamorò di Monna Giovanna, conosciuta come una delle più belle di Firenze Per conquistare l’amata Federigo iniziò a sperperare il suo denaro,partecipando a duelli, giostre e tornei, organizzando feste e facendo numerosi regali alla giovane. La donna, essendo sposata, non badava a tutti i gesti che Federigo faceva per lei. Questi infatti spendeva denaro a dismisura e non aveva neanche un’entrata che compensasse le enormi spese. Avvenne che le ricchezze finirono e lui cadde in miseria, rimanendo solo con un podere, che gli forniva da sostentamento, ed un falcone, tra i migliori al modo. Resosi conto che non poteva continuare a condurre la bella vita di ritirò nei campi dove aveva il suo poderetto. Per mangiare cacciava col suo falcone e sopportava la povertà senza chiedere nessun aiuto. Mentre Federigo viveva in miseria il marito di Monna Giovanna si ammalò , facendo testamento; disse che avrebbe lasciato tutto al figlio, ma se questi non avesse avuto eredi legittimi , Monna Giovanna sarebbe diventata l’unica erede di tutto il patrimonio. Il maritò morì, lasciando la moglie da sola. L’estate successiva, secondo le usanze toscane, si ritirò in campagna, la quale era molto vicina al poderetto di Federigo. Il figlio di monna Giovanna trascorreva il tempo intrattenendosi con Federigo e appassionandosi di cani e uccelli, ammirando molto il falcone. Accadde che il ragazzo si ammalò e la madre cercava di accontentarlo in tutti i modi. Il fanciullo le chiese il Falcone di Federigo, e lei, spinta dall’amore materno, si recò da Federigo. Questi, non avendo nulla in casa da offrirle per pranzo uccise il falcone e lo servì in tavola. A fine pasto la donna rivelò il vero motivo della visita, alchè Federigo scoppiò a piangere, rivelandole cosa aveva mangiato. Lei allora ebbe molta compassione. Quando il figlio morì lei si ritrovò ad essere l’unica erede del patrimonio, quindi i suoi fratelli la convinsero a risposarsi, ella volle sposare federigo degli alberighi, perché egli, pur essendo ormai povero, aveva dimostrato nobiltà d’animo. Federigo sposò Monna Giovanna, diventando ricchissimo e dimostrandosi anche un buon massaio.

Hai bisogno di aiuto in Decameron?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email