Erectus 1117 punti

Ariosto, Ludovico - Straniamento, abbassamento e ironia nell'Orlando Furioso


Le tematiche introspettive dell'Orlando Furioso sono diverse e si riallacciano al limite umano imposto dalla natura e alle riflessioni sul reale.
Lo straniamento è inteso come un improvviso mutamento della prospettiva da cui è presentata la materia e i personaggi in favore di una prospettiva straniata per impedire l'immedesimazione emotiva e sollecitare lo spirito critico dei lettori. Si realizza con interventi metanarrativi come giudizi e commenti maliziosi e sornioni e conseguente perdita dell'onniscienza. La tecnica ha origini molto antiche e nell'Ottocento sarà ripresa dai russi come Tolstoj,da Verga e altri veristi.
L'abbassamento non è un rovesciamento parodico o un beffa aperta ai valori cavallereschi come il Don Chisciotte di Miguel de Cervantes ma si limita all'attenuazione della dignità epica ed eroica dei personaggi che sono soggetti ai limiti ed errori. Si realizza con paragoni e similitudini prosaiche o dal semplice montaggio della scena.
L'ironia non nasce dall'indifferenza per la finzione della materia narrata ma,secondo Benedetto Croce, è uno strumento di evasione fantastica. L'ironia estende la materia trattata alle riflessioni etico-filosofiche ed è sinonimo di atteggiamento critico di Ariosto. Il letterato non è quasi mai polemico, si pone in maniera pacata ed equilibrata perché consapevole del limite della comune follia umana.
Queste tecniche conducono a un grande e voluta confusione mentale.
Hai bisogno di aiuto in Orlando Furioso?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email