Ominide 1796 punti

I suoni liquidi


I suoni liquidi, sono suoni dove non c'è nessun blocco nel passaggio di aria durante la loro produzione.
Ci sono due classi di suoni liquidi, i suoni laterali e vibranti. Alcuni esempi di suoni laterali sono "L" e "GL", laterali perché l'aria esce dai lati della bocca. I suoni laterali sono normalmente suoni sonori. In italiano vi sono due consonanti laterali: "L" e "GL".
I suoni vibranti sono suoni complessi nelle lingue del mondo, alcune lingue non hanno questi suoni come cinese e giapponese. Suoni di articolazione complessa, l'idea sembra essere che suoni siano continui, sonori e in alcune lingue possono essere polivibranti, con una multipla vibrazione. Sono suoni dove non c'è ostacolo nell'articolazione, ma nonostante ciò sono tra i più difficili da realizzare infatti sono gli ultimi che vengono appresi dai bambini.
Con la differenziazione tra i suoni liquidi si riesce a dare una spiegazione al fenomeno comune dei cinesi senza "R". Infatti la R è un suono liquido polivibrante che i cinesi non producono mai nella loro lingua; non solo ma non lo riconoscono come suono in quanto si fa ad assimilare ad altri suoni tipici della loro lingua che nella nostra non esistono. Ciò spiega il motivo per cui un cinese che tenti di parlare italiano vada a pronunciare la "L" al posto di "R", perché entrambi sono dei suoni liquidi ma nella lingua cinese solo il primo viene riconosciuto.
Hai bisogno di aiuto in Analisi del testo e scrittura di testi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email