Ominide 14102 punti

Rapporti tra animali fitofagi e i patogeni

I rapporti tra gli animali dannosi e le piante sono generalmente di predazione. Le relazioni tra animale e pianta sono di tipo trofico: i primi utilizzano i vegetali come fonte di nutrizione, e vengono perciò definiti fitofagi. L’attacco di animali fitofagi viene chiamato infestazione e l’insieme degli interventi volti al suo controllo prende il nome di disinfestazione. Per quanto riguarda gli insetti, il tipo di danni da questi causato dipende in primo luogo dalle caratteristiche del loro apparato boccale: alcuni di essi vivono all’esterno della pianta, asportando parte dei tessuti con il loro apparato boccale masticatore, o nutrendosi della linfa attraverso il loro apparato boccale pungente-succhiante; altri vivono all’interno delle foglie o degli organi legnosi (insetti minatori). Vi sono però anche insetti utili:
alcuni instaurano rapporti mutualistici con le piante, come gli insetti pronubi, per esempio le api, che favoriscono l’impollinazione incrociata dei fiori;
altri contribuiscono a controllare le popolazioni di animali fitofagi: è il caso degli insetti iperparassiti, come alcune coccinelle e diversi imenotteri icneumoidei, che si nutrono di altri insetti che provocano danni alle piante.
Rapporti tra le piante e i patogeni
I rapporti tra le crittogame (funghi, batteri, virus e fitoplasmi) e le piante sono generalmente di parassitismo. Questi agenti fitopatogeni vivono all’interno della pianta ospite, ricavandone protezione e nutrizione. L’attacco di crittogame viene chiamato infezione e l’insieme degli interventi volti al suo controllo prende il nome di disinfezione.
Hai bisogno di aiuto in Agraria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email