Ominide 18320 punti

La raccolta meccanica delle olive


La raccolta meccanica viene eseguita utilizzando macchine scuotitrici, che imprimono una sorta di vibrazione al tronco. Consente di raccogliere elevate quantità di prodotto per unità di tempo, abbassando i costi di produzione, e fornisce un prodotto di buona qualità.
Gli scuotitori sono strutture vibranti applicate su macchine semoventi o su trattrici.
L'intercettazione delle olive può avvenire o con l’utilizzo di reti spostate manualmente dagli operatori o svolte e avvolte da carri intercettato, o con l’utilizzo di ombrelli rovesciati montati sulla stessa trattrice che porta lo scuotitore.
Il trasporto delle drupe è effettuato tramite carri intercettato con sistema di carico automatico o su rimorchi con sistema di carico automatico a ombrelli rovesci.
La possibilità di utilizzare la raccolta meccanica è strettamente legata a forme di allevamento a sviluppo verticale con una prima impalcatura a non meno di 70-100 cm dal suolo, per poter agganciare al tronco le pinze poste all’estremità del braccio scuotitore.
I problemi che si possono verificare con l’uso di tale tecnica di raccolta sono principalmente:
presenza nel raccolto di una grossa quantità di foglie e rametti, che si distaccano insieme ai frutti;
danni al tronco per scorretto aggancio dello scuotitore;
difficoltà di manovra dei mezzi negli oliveti con sesti di impianto ravvicinati.
Si sta sperimentando anche l’uso di macchine scavallatrici a scuotimento verticale, simili alle vendemmiatrici meccaniche. La difficoltà di utilizzo di questo metodo di raccolta è dovuto alla necessità di avere piante con un’altezza non superiore a 2,5-3 metri e con alte densità di impianto, caratteristiche queste che non è frequente trovare negli oliveti italiani.
Hai bisogno di aiuto in Agraria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email