Sapiens Sapiens 10637 punti

La consociazione delle culture


Su uno stesso appezzamento le piante possono essere coltivate da sole . Nel primo caso si hanno le culture specializzate e nel secondo si ha la consociazione. Quando insieme alle piante erbacee si coltivano anche quelle legnose, come nel caso delle viti allevate ad alta impalcatura lungo le prode dei campi e di piante erbacee avvicendate, si ha la cultura promiscua.
Se scelte con criterio, le consociazioni sono vantaggiose per le seguenti ragioni:
1) Permettono di sfruttare nel migliore dei modi lo spazio e gli strati del terreno
2) Offrono il modo di aumentare la redditività del terreno
3) Abbassano il costo di produzione delle singole piante consociate
4) Possono compensare i danni del cattivo raccolto di una cultura con la maggiore produzione dell’altra
Nel caso di piante foraggere a lenta crescita come era medica, permettono di utilizzare il terreno con la pianta consociata temporaneamente (es. gravo, avena) anche nei loro primi periodo vegetativi. Lo stesso si può dire per le piante legnose che hanno un lungo periodo improduttivo.
Non tutte le piante sono convenienti da consociare tra di loro. Per esempio: il riso, il tabacco ed il noce non si consociano mai. Invece una grande adattabilità presentano le leguminose foraggere.
Nella scelta delle piante da consociarsi occorre tener conto delle speciali condizioni ambientali, economiche, biologiche ed agrarie. Infatti, si possono consociare:
a) quelle che hanno le stesse esigenze ecologiche
b) quelle che non esercitano reciprocamente, alcuna azione dannosa
c) quelle che presentano diverse esigenze rispetto alla nutrizione
d) quelle che hanno un apparato radicale diverso
e) quelle che traggono vantaggio dagli stessi lavori preparatori e dalle stesse cure culturali
f) quelle che si sviluppano o maturano i frutti in tempi diversi
g) quelle che possono servire da sostegno alle altre
Rispetto al tempo, le consociazioni possono essere permanenti o temporanee.
Rispetto alle piante consociate possono esistere: consociazioni erbacee, consociazioni legnose e consociazioni miste
Qualche esempio di consociazione:
• Consociazione fra piante erbacee: granoturco/fagioli, rape/avena, avena/lupinella, erba medica/gran turchino
• Consociazioni legnose:olivi/viti, peschi/viti, olivi/agrumi, olivi/mandorli o fichi, olivi/fichi d’India
• Consociazioni miste: olivi/leguminose, viti/fagioli, agrumi/alcuni ortaggi
• Purtroppo, a volte, si procede a consociazioni irrazionali come viti/patate, viti/erba medica
Talvolta le piante da consociarsi si seminano contemporaneamente (es. granoturco/fagioli); altre volte, invece, si semina prima quella che dovrà essere tolta più presto e dopo si semina quella che dovrà restare più a lungo. Questo si verifica soprattutto con le culture da orto.
La consociazione è molto frequente nell’ orticoltura. Qualche esempio:
• patata/pomodoro-granoturco-fagiolo-piselli-cavolfiore-lattuga
• pomodoro/finocchio-cavolfiore-cavolo verza-lattuga-cipolla-ravanello
• broccoli/spinaci-cipolline-insalata
• sedano/cipolla-aglio-carciofo-piselli-ravanello-lattuga
Hai bisogno di aiuto in Agraria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Tabella delle famiglie botaniche