Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Riassunto di Biochimica, metabolismo glucidi lipidi proteine

Riassunto per l'esame di Biochimica, basato su rielaborazione di appunti personali e studio del libro " Manuale di chimica-biochimica e chimica clinica" - L.Caldera, E. Burti.Argomenti trattati: Glucidi,digestione e assorbimento dei glucidi,Lipidi, acidi grassi, proteine,amminoacidi, acidi nucleici, emoglobina (anabolismo, catabolismo, tipi di emoglobina), enzimi, fosforilazione ossidativa, catena respiratoria, vitamine (A,D,E,K,Tiamina, Riboflavina,,Piridossina, Cobalamina, Vitamina M o Acido folico, Vitamina PP o nicotinammide, Biotina, Acido pantotenico, Vitamina C.

  • Per l'esame di Biochimica del Prof. L. Visai
  • Università: Pavia - Unipv
  • CdL: Corso di laurea in tecniche della riabilitazione psichiatrica
  • SSD:
Compra 7.99 €

Voto: 5 verificato da Skuola.net

  • 11-11-2013
di 12 pagine totali
 
+ - 1:1 []
 
< >
Riassunto di Biochimica, metabolismo glucidi lipidi proteine
Scrivi la tua recensione »

Recensioni di chi ha scaricato il contenuto

Anteprima Testo:
Foglio1 GLUCIDI I glucidi sono composti della chimica organica costituiti da C, H, O la cui formula chimica e poiche Idrogeno e ossigeno sono nelle stesse proporzioni dell'acqua la formula puo essere sintentizzata in e sono definiti Idrati del Carbonio o Carboidrati. Sono la principale fonte dal quale l'organismo vivente trae l'energia necessaria per far vivere le cellule e per far svolgere le reazioni chimiche Sono alcooli polivalenti (piu funzioni alcoliche) con un gruppo aldeidico (-COOH) o un gruppo chetonico (-CO) e per questo distinti in aldosi o chetosi. Possono essere: isomeri, se hanno la stessa formula bruta epimeri, se hanno una diversa configurazione relativa ad uno specifico atomo di Carbonio enantiomeri, se sono l'uno l'immagine speculare dell'altro Possono presentare atomi di Carbonio asimmetrici, cioe che si legano a 4atomi o gruppi di atomi diversi e, a seconda di dove e orientata la luce polarizzata, cambiano di stereoisomeria. I glucidi possono presentare piu di un carbonio asimmetrico nello stesso composto e percio vengono detti appartenenti alla serie Destrogira (D, che orienta la luce polarizzata a destra,+) se presentano il gruppo alcolico -COH in prossimita del gruppo come il D-Gliceraldeide Appartengono alla serie Levogira (L, orienta la luce polarizzata a sinistra,-) i glucidi che hanno la stessa composizione del L-Gliceraldeide C OOH H C OH C H OH D-Gliceraldeide C OOH OH C H C H OH L-Gliceraldeide I glucidi possono avere da 2 a 10 atomi di Carbonio e si distinguono in: triosi se hanno 3 atomi di carbonio, esempio il Gliceraldeide tetrosi se hanno 4 atomi di carbonio, esempio l'Eritroso pentosi se hanno 5 atomi di carbonio, esempio ribosio e deossiribosio esosi se hanno 6 atomi di carbonio, esempio glucosio, fruttosio, galattosio eptosi se hanno 7 atomi di carbonio nonosi se hanno 9 atomi di carbonio, esempio acido neuramminico Possono avere struttura ciclica mediante unione del gruppo carbossilico C=O del 1-C con il gruppo alcolico -COH. Se il gruppo ossidrile OH del 1-C e al di sotto del piano dell'anello, la posizione viene definita cis o alfa Se il gruppo ossidrile OH del 1-C e al di sopra del piano dell'anello, la posizione viene definita trans o beta I glucidi possono distinguersi in monosaccaridi se costituiti dalle unita di base disaccaridi se derivano dall'unione di due monosaccaridi oligosaccaridi se derivano dall'unione di monosaccaridi, in quantita da 2 a 10 polisaccaridi se derivano dall'unione di piu di 10 monosaccaridi Il legame che unisce i monosaccaridi e detto legame glicosidico e si forma tra il 1-C di un monosaccaride e il 2,3,4,6-C dell'altro monosaccaride, con eliminazione di una molecola di acqua Esempi di disaccaridi sono Maltosio: derivato dall'unione di sue molecole di glucosio (Legame alfa 1-4 glicosidico) Saccarosio: derivato dall'unione di glucosio e fruttosio Lattosio: derivato dall'unione di glucosio e galattosio (legame beta 1-4 glicosidico) Pagina 1 Foglio1 Polisaccaridi : derivano dall'unione di piu di dieci unita monosaccaridiche, presentano formula Dal punto di vista chimico sono distinti in Polisaccaridi semplici, se costituiti dalle unita di uno stesso monosaccaride Polisaccaridi complessi, se costituiti da diversi monosaccaridi Dal punto di vista funzionale sono distinti in Polisaccaridi di riserva: amido nel mondo vegetale, glicogeno nel mondo animale Polisaccaridi di sostegno: cellulosa nel mondo animale DIGESTIONE E ASSORBIMENTO DEI GLUCIDI Il nostro organismo non e in grado di assorbire unita monosaccaridiche unite tra loro, percio e importante che venga attuata una idrolisi e percio rottura di legami glicosidici. La digesione dei glucidi inizia nella bocca con l'enzima alfa- amilasi salivare. Si blocca nello stomaco e riprende nell'intestino con l'enzima alfa- amilasi pancreatica. I due enzimi alfa-amilasi idrolizzano legami alfa 1-4 glicosidici e rompono la catena glicosidica in piu frammenti. Operano conseguentemente enzimi per l'idrolisi dei legami 1-6 glicosidici e l'enzima disaccaridasi. Tra i disaccaridasi ricordiamo maltasi che idrolizza i legami tra due molecole di glucosio, lattasi che idrolizza i legami tra glucosio e galattosio, saccarisi che idrolizza i legami tra glucosio e fruttosio. Al termine della digestione i glucidi avranno percio come unico destino metabolico quello del glucosio. Il glucosio viene portano al fegato dalla vena porta, dove puo essere immagazzinato sotto forma del suo polimero (glicogeno), demolito o ossidato per produrre energia, o trasformato in altri composti (acidi grassi, amminoacidi, etc.) LIPIDI Sono composti insolubili in acqua e solubili in altri solventi apolari come etere, alcool, benzene. Secondo la classificazione di Bloor si distinguono in: Lipidi semplici: derivano dall'esterificazione da parte di acidi grassi di gruppi alcoolici polivalenti * grassi neutri o glicerolo: esterificazione da parte degli aEspandi »cidi grassi del glicerolo * cere: esterificazione da parte degli acidi grassi di alcooli monovalenti Lipidi complessi: derivano dall'esterificazione da parte di acidi grassi contenenti gruppi addizionali *fosfolipidi: esterificaizone da parte degli acidi grassi e di un residuo fosforico Lipidi combinati: presentano gruppi aggiuntivi oltre al gruppo lipidico * lipoproteine *lipoamminoacidi *lipopolisaccaridi (glicerolo puo essere monoglicerolo,diglicerolo, triglicerolo in quanto presenta fino a tre gruppi -OH) ACIDI GRASSI Gli acidi grassi si distinguono in saturi e insaturi Acidi grassi saturi non presentano doppi legami, la loro catena idrocarburica non presenta ramificazioni, terminano con un gruppo ossidrile, generalmente ionizzato. La formula e e il primo membro e l'acido formico HCOOH Acidi grassi insaturi presentano da uno a piu doppi legami,la loro catena idrocarburica e ramificata e in base la numero di doppi legami possono distinguersi in appartenenti alla serie: dell'acido oleico (1 doppio legame) dell'acido linoleico (2 doppi legami) dell'acido linolenico (3 doppi legami) dell'acido arachidonico (4 doppi legami) Pagina 2 Foglio1 dell'acido clupadonico (5 doppi legami) Dati i doppi legami, presentano delle reazioni proprie Idrogenazione:per mezzo di un idrogeno gassoso e di un catalizzatore, permette il passaggio da olii vegetali a grassi animali, ed e detto anche processo di indurimento dei grassi perche i grassi che si formano presentano un punto di fusione piu elevato Alogenazione: in quanto gli alogeni (CL,F,I,Br) tendono ad associarsi con maggior facilita in presenza di doppi legami Ossidazione: degli acidi grassi con formazione di chetoni o aldeidi con odori caratteristici I lipidi possono distinguersi inoltre in Lipidi idrolizzabili = grassi neutri, olii, cere,etc Lipidi non idrolizzabili = steroidi Gli steroidi appartengono al gruppo ciclopentanodeidrofenantrene (o sterano) e sono formati da 4anelli (tre per il diidrofenantrene e un anello pentano) e da una catena laterale di atomi di Carbonio. Se la catena laterale ha 2 atomi di carbonio si parla di corticosteroidi, se ha 5 atomi di carbonio si parla di acidi biliari, se ha 8-9-10 atomi di Carbonio si parla di steroli Gli steroidi possono avere fino a 27 atomi di Carbonio sulla catena laterale. Gli acidi biliari sono fondamentali per la conversione del colesterolo, sono portati nel fegato dove trovano l'ambiente alcalino della bile che, per mezzo di Na e K , li trasforma in sali biliari. I sali biliari vengono poi portati all' intestino e distrutti per il 10% dai batteri intestinali e, attraverso il circolo portare, riportati al fegato per una nuova escrezione. PROTEINE Il termine proteine fu ideato da Berzelius e Mulder nel 1938 quando scoprirono una componente comune a molti composti del mondo vegetale e animale, a cui diedero il nome di proteine, nome appropriato in quanto le proteine sono i costituenti essenziali di tutte le cellule viventi Le proteine sono composte da C, H, O e N. Sono formati da lunghe catene di amminoacidi AMMINOACIDI Gli amminoacidi sono formati da un gruppo amminico -NH e un gruppo carbossilico -COOH. Pagina 3 Foglio1 Presentano inoltre un gruppo R, che varia da amminoacidi a amminoacido. Tra gli amminoacidi ricordiamo Alanina (Ala) Fenilalanina (Phe) Glicina (Gly) Prolina (Pro) Valina (Val) Passaggio dallo stato acido a quello basico di un amminoacido, es Alanina Gli amminoacidi si legano tra loro con un legame peptidico, e la molecola che ne risulta e detto peptide Il peptide mantiene esterna un gruppo amminico -NH e un gruppo carbossilico -COOH che permettono l'allungamento della catena con unione ad altri amminoacidi. La catena polipeptidica si allunga in senso lineare, a differenze della catena glucidica che puo anche ramificarsi. I legami della catena peptidica possono essere rotti per idrolisi Le proteine possono distinguersi per la composizione chimica, per la forma molecolare e per la funzione Pagina 4 Foglio1 Per la composizione chimica le proteine si distinguono in proteine semplici se formate solo da amminoacidi proteine complesse o combinate se presentano anche un gruppo non proteico (gruppo prostetico) EX.. Emoglobina = Globina(gruppo proteico) e gruppo Eme (gruppo prostetico) Per la formula molecolare le proteine si distinguono in Proteine fibrose =costituite fa fibre collagene parallele tra loro che vengono a formare un lungo filamento. Presentano legami a ponte H e sono insolubili in acqua perche le forze intermolecolari sono molto forti proteine globulari=costituite da fibre collagene che si attorcigliano attorno ad un'unita formando un agglomerato. Presentano legami a H, legami deboli Van der Walls, legami di solfuro (legami tra residui di cisteina) e interazioni idrofobiche. Sono molto solubili in acqua perche le forze intermolecolari sono deboli Per la funzione ricordiamo proteine di tr « Comprimi