Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Anatomia patologica - malattia di Graves-Basedow

Appunti di Anatomia patologica per l'esame del professor Bufo sulla malattia di Basedow che è la causa più frequente di ipertiroidismo, specie nei soggetti di sesso femminile tra i 30 e 50 anni. L’anamnesi familiare spesso indica la presenza di questa tireopatia in altri parenti di primo grado.

  • Per l'esame di Anatomia patologica del Prof. P. Bufo
  • Università: Foggia - Unifg
  • CdL: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia (a ciclo unico - 6 anni)
  • SSD:
Download Gratis

Voto: 5 verificato da Skuola.net

  • 1
  • 04-10-2013
1di 1 pagine totali
 
+ - 1:1 []
 
< >
Anatomia patologica - malattia di Graves-Basedow
Scrivi la tua recensione »

Recensioni di chi ha scaricato il contenuto

Anteprima Testo:
MALATTIA DI GRAVES-BASEDOV O IPERPLASIA DIFFUSA DELLA TIROIDE Rappresenta la principale causa di ipertiroidismo e colpisce preferibilmente il sesso femminile con un rapporto f:m di 4:1, in un età compresa tra i 30 e i 50 anni; in circa il 50% dei casi è identificabile una storia familiare. Il quadro clinico è caratterizzato da un ingrandimento della gh che si associa a segni e sintomi dell’ipertiroidismo, in paricolare a tachicardia sinusale, ipersudorazione e iperreflessia. A quest triade si accompagnano con frequenza i segni di incremento del metabolismo, quali termo fobia, polidipsia e aumento dell’appetito. Praticamente costanti i sintomi neuromuscolare come tremore, nervosismo, asenia e riesentimento generale come affaticabilità, calo ponderale e dispnea. Nell’anziano, spesso paucisintomatico, l’alterazione del ritmo più frequente è la F.Atriale. il quadro clinico di ipertiroidismo si associa con riduzione del tasso sierico di TSH, con aumento di T4 libero e di TBII, riscontri che rendono agevole la diagnosi. Il reperto macroscopico più frequente consiste in un aumento volumetrico modesto e simmetrico della tiroide che raggiunge un peso variabile tra i 40 e gli 80 g; la superficie di sezione ha apetto compatto, parenchimatoso, con colore rosso intenso e disegno della lobatura assai marcato. Il quadro microscopico è caratterizzato da: accentuazione della normale lobulatura del parenchima per tralci connettivali bene vascolarizzati; infiltrato linfocitario di grado variabile, talora con formazione di follicoli linfoidi dotati di evidente centro germinativo; iperplasia pronunciata dei follicoli tiroidei il cui epitelio assume talora aspetti papillari che non devono essere confusi con quelli del ca papillare; ipertrofia dei rireociti in genere di forma cilindrica che hanno citoplasma abbondante, microvacuolato e, nuclei normo- o ipercromatico localizzati alla base della cell. nel lume dei follicoli la colloide è scarsa, rarefatta, granulosa, poco colorabile e con contorni festonati a causa dei numerosi vacuoli di riassorbimento. Il reperto di cell oncocitarie, isolate o in nidi per lo più di piccole dimensioni in seno ai lobuli iperplastici, è osservabile ed è indicativo della pssibilità di una evoluzione verso la t di hashimoto. A tale riguardo è opportuno ricordare che, seppur rari, vi sono casi che accomunano gli aspetti morfologici dell 2 forme che, per tal motivo, vengono classificati come hashi-tossicosi.
Contenuti correlati