Genius 1405 punti

L'inizio del Novecento

Nel mondo il nuovo secolo viene chiamato "Belle epoque" perché si sviluppano la medicina, i trasporti, il commercio e l'industria. Per l'occidente(Europa e gli Stati Uniti D'America) è un periodo di pace fino al 1914. Anche le condizioni degli operai migliorano grazie ai salari adeguati, a minor orario lavorativo e al maggior lavoro. Migliorano la situazione della donna e dei minori. Il tenore di vita è più alta e s'inizia a parlare di qualche divertimento per le classi più povere.
- è il secolo della borghesia e della piccola borghesia e aumenta la produzione dei beni di consumo, aumentano le nascite e il redditto. Aumenta anche il livello d'istruzione e c'è una lotta contro l'analfabetismo. Nelle fabbriche s'installa sempre di più la "catena di montaggio" che rende il lavoro più veloce.
-In politica, in quasi tutti i paesi europei c'è una riforma elettorale che prevede il suffragio universale maschile(in Italia nel 1912 con il ministro Giovanni Giolitti mentre le donne voteranno per la prima volta nel 1946 finita la seconda guerra mondiale) in Gran Bretagna le donne voteranno per la prima volta nel 1918.

Stati Uniti:
viene completata la conquista del West relegando gli indiani nelle riserve.
Diventano la prima potenza al mondo per l'abbondanza di materie prime, ma la ricchezza di alcuni aumenta gli squilibri tra ricchi e poveri, e bianchi e neri. I lavoratori di colore vengono relegati sempre di più nei ghetti, e nel 1915 rinasce il Ku Klux Klan, una feroce setta razzista.

Giappone:
diventa una potenza industriale e militare tra le prime del mondo ma mantiene una stretta tradizione per quel che riguarda il culto dell'imperatore.
Alla fine dell'800 scoppia una guerra tra Giappone e Cina e agli inizi dell'900 tra
Giappone e Russia entrambe vinte dal Giappone.

Cina:

anche in questo paese i cechi borghesi prendono forza e sempre più intendono rovesciare il vecchio sistema dell'impero. Nasce fin dal 1911 un movimento rivoluzionario che si svilupperà soltanto dopo la prima guerra mondiale con la rivoluzione di Mao Dze Dong(ricordato con il film di Bertolucci"L'ultimo Imperatore")

America Latina:
è meta di una forte immigrazione europea che ha l'estrema punta nell'1911
ed è diretta in Argentina. Subisce tuttavia ancora una forte influenza politica ed economica da parte degli Stati Uniti pur essendo liberata dal dominio spagnolo e portoghese.

India:

ancora sotto il dominio coloniale Inglese, sfruttata pesantemente subisce carestie ed epidemie. Si creano malcontenti, nonostante le opere stradali e ferroviari, la Gran Bretagna decide così di far entrare nel governo alcuni ricchi rappresentati da Indiani tra cui nasce sempre di più il sogno di liberazione dagli inglesi(che avverrà tuttavia nel 1948)

Europa:

esistono due tipi di alleanze
- La triplice alleanza :Germania, Austria e Italia(l'Italia si muoverà tuttavia all'interno delle due alleanze al tal punto che la sua politica estera verrà chiamata "giri di valzer" a seconda degli interessi del momento).
In Germania, il capo dello stato Reich è dominato dall'imperatore Guglielmo ii che fece instaurare una politica estera espansionista definita Pamgermanesimo.
In Austria c'è ancora l'impero Austriaco Ungarico capeggiato dal vecchio imperatore Francesco Giuseppe
-La triplice intesa : Francia, Gran Bretagna, Russia. In Francia c'è un governo repubblicano di destra cioè di ricchi industriali e di militari , in Gran Bretagna c'è un governo liberale che pur facendo sempre gli interessi della borghesia aveva introdotto una riforma fiscale per cui le tasse venivano pagate in base alla ricchezza. Rimane sempre saldo la monarchia e il paese inizia a stringere alleanze utili alla sua espansione all'estero; In Russia ci fu lo zar Nicolò ii ma siamo ormai vicini alla rivoluzione. Lenin diventa capo del partito di protesta e nel 1905 l'esercito zarista spara contro un immensa folla radunata di fronte al palazzo d'inverno di S.Pietroburgo, non è ancora rivoluzione ma questa scoppierà nel 1917 abbattendo non solo il potere ma anche fisicamente lo zar e la sua famiglia.

Registrati via email