blakman di blakman
VIP 9176 punti

Testo:
Ella non ci dicea alcuna cosa,
ma lasciavane gir, solo sguardando
a guisa di leon quando si posa.
Pur Virgilio si trasse a lei, pregando
che ne mostrasse la miglior salita;
e quella non rispuose al suo dimando,
ma di nostro paese e de la vita
ci 'nchiese; e 'l dolce duca incominciava
«Mantua...», e l'ombra, tutta in sé romita,
surse ver' lui del loco ove pria stava,
dicendo: «O Mantoano, io son Sordello
de la tua terra!»; e l'un l'altro abbracciava.
Ahi serva Italia, di dolore ostello,
nave sanza nocchiere in gran tempesta,
non donna di province, ma bordello!

Commento:

Dante e Virgilio sono nell'Antipurgatorio, fra le anime di coloro che trascorsero la vita nel peccato e, morti di morte violenta, solo negli ultimi istanti di vita si pentirono delle proprie colpe;essi resteranno nell'Antipurgatorio per un tempo pari alla durata della propria vita. Dante viene circondato da una folla di anime che si affannano a raccomandargli di rinnovare il loro ricordo sulla terra presso i parenti in modo che questi intercedano per loro con preghiere. Queste anime in vita furono uomini politici che perirono durante le lotte civili causate dall'odio delle opposte fazioni che dividevano le citta del tempo; Dante, pur promettendo quanto esse gli chiedono, le tratta con un certo sdegnoso distacco, in quanto sono il simbolo di quell'odio di parte che egli ha tanto ben conosciuto e che è giunto a condannare fermamente. Districatosi a stento da quella folla insistente,si accinge a riprendere la via che conduce al pendio del monte del Purgatorio, quando Virgilio gli indica un'anima che se ne sta in disparte e guarda fissamente verso di loro. Si dirigono quindi verso quell'anima cui Virgilio ha intenzione di chiedere quale sia la via piu rapida ed agevole.

Registrati via email