Ominide 51 punti

Il vulcano

Il vulcano è una spaccatura creata nella crosta terrestre dalla quale fuoriesce il” magma” proveniente dal sottosuolo( “Lava”).
Il vulcano è un piccolo rilievo che ha una forma conica e che ha alla sommità un’apertura chiamata ”cratere” da cui fuoriesce il magma, e un condotto interno attraverso il quale passa la lava.
Un’eruzione vulcanica si svolge in varie fasi:
nella fase iniziale si avvertono dei forti rumori sotterranei seguiti da emissioni solforose.In seguito,per l’azione di gas spinti da forze interne della terra,si ha l’esplosione e i materiali che ricoprono il cratere insieme a tutti gli altri frammenti solidi,saltano in aria.
Come fase finale dopo l’esplosione si ha la fuoriuscita della lava ad una temperatura di 1000 gradi.
Questa fase è importante in quanto la lava fuoriuscendo,scivola lungo le pendici del vulcano distruggendo e trascinando tutto ciò che trova.

Ci sono due tipi di vulcani,uno che emette lava ed un altro che emette cenere. Anche la durata dell’eruzione cambia a seconda del vulcano.
Quando un vulcano non ha eruzioni per un lungo periodo si dice che è “spento”
Ma in queste zone si manifestano fenomeni di vulcanismo secondario: sorgenti di acque termali, minerali e “geyser”,colonne di acqua bollente che si alzano dal suolo ad intermittenza.
In Italia i vulcani attivi sono l’Etna e Stromboli, mentre ci sono altri vulcani detti quiescenti ovvero il Vesuvio e Vulcano.
Tutti questi vulcani si trovano in prossimità di centri abitati dunque è molto importante tenere sotto controllo ogni movimento del suolo per poter prevedere in tempo utile un’eventuale eruzione.
In Italia il Vesuvio è il vulcano più a alto rischio poiché le sue eruzioni esplosive potrebbero avere conseguenze disastrose sulla densa urbanizzazione della zona.
Invece l’Etna avrebbe una fuoriuscita di magma maggiormente controllabile.

Registrati via email