14 cose da non fare quando si è all'estero

Redazione
Di Redazione

Ci sono alcune cose da non fare quando si è all'estero. I turisti spesso non conoscono tradizioni e credenze strambe dei paesi visitati!

"cose da non fare all'estero"
Ci sono abitudini, tradizioni, credenze diverse in ogni nazione. E' chiaro che il turista straniero in visita è spesso mal istruito sui comportamenti o gesti da evitare. Ogni paese ha una cultura radicata e ben precisa che ne determina la tradizione. Per esempio in Cina... dove regalare un orologio o un ombrello è sintomo di cattiva fortuna. Virate su altro se volete far felice un amico cinese. In Kenya evitate di chiamare una persona che non conoscete con il suo primo nome. E' maleducazione. O ancora: in Ucraina, evitate di regalare un numero di fiori PARI. Capirete poi il perché.
Eccovi alcune cose da non fare nei paesi esteri!

Ucraina: non regalate un numero pari di fiori ad una ragazza.


La persone in Ucraina, ma anche in diversi paesi limitrofi come quelli slavi, portare un numero pari di fiori al cimitero per 'ricordare' la persona cara è una consuetudine ormai consolidata. Non sarebbe quindi una cosa bellissima regalare, per esempio, 12 rose rosse ad una ragazza ucraina. Tenetelo in mente quando conquisterete il suo cuore. Prima di finire voi in cimitero.

Paesi Arabi: non utilizzate la mano sinistra per mangiare o bere


Se ti vengono offerti pranzi, aperitivi, drink etc., ricorda di usare sempre la mano destra, sia per mangiare sia per bere, poiché la sinistra è considerata impura (infatti viene usata per le operazioni di toelettatura). Inoltre, è meglio evitare di mostrare le suole delle scarpe o i piedi perché entrambi i comportamenti sono considerati sintomi di mancanza d'igiene, il che ovviamente, viene percepito come un'offesa.

Giappone: non lasciate la mancia


I Giapponesi sono un popolo molto orgoglioso quando si tratta di offrire il miglior servizio possibile. Ricevere la mancia sarebbe sintomo di insulto, soprattutto nei ristoranti. Ovviamente se siete turisti stranieri e offrite una mancia, i vostri amici giapponesi capiranno il vostro 'involontario' impulso di ricompensare il prossimo, quindi non preoccupatevi, ma non ripetete lo stesso errore. In definitiva: non siete negli States, non lasciate mance.. a loro va bene così!

Norvegia: non chiedetegli come mai non vanno in chiesa


Molte persone non vanno in chiesa. In Norvegia il fenomeno è forse un po' più ampio rispetto agli altri paesi. L'unica cosa che dovete sapere prima di andare nel paese scandinavo è legata a questo fatto: non chiedete mai ad un norvegese se va in chiesa. Percepirebbe la domanda come un segno di maleducazione. Anche se può sembrare strano non c'è un motivo preponderante: è così e basta.

Turchia: non fate il gesto dell'OK perché è offensivo!


Questo l'ho imparato sulla mia pelle. Scenario: New York, al pub con l'amico turco conosciuto al corso d'inglese, tra un motivo e l'altro stiamo discutendo su cosa andiamo d'accordo e su cosa no. Ad un certo punto il rumore all'interno del pub cresce a dismisura alche cominciamo a gesticolare. Per far segno di: tutto OK, comincio ad utilizzare la tranquilla gestualità italiana, ossia

Con faccia più o meno sconvolta, l'amico turco mi chiede di non farlo mai più. Il significato: GAY. In modo offensivo. Non fatelo!

UK: non chiedete ad una persona quanto guadagna.


In realtà è una domanda scortese un po' dappertutto, in particolar modo negli UK, dove l'eleganza la fa da padrona. E' chiaro che 'farsi gli affari altrui' tende ad essere un ottimo modo per infastidire una persona. L'inglese, che non ti concede molto, tende ad infastidirsi con una qual certa facilità.

Irlanda: non provate ad imitare il loro accento.


Gli irlandesi dal canto loro pensavo di non avere alcun accento particolare. Sbagliando. Sono forse il popolo con l'accento inglese più difficile da interpretare. Ma non provate ad imitarli in loro presenza: se la prendono moltissimo. Non è un'esperienza diretta, ma una leggenda tramandata da un mio caro amico residente in quel di Dublino.

Germania: non fate auguri il giorno prima del loro compleanno.


Non portate scalogna. Fate gli auguri nel giorno giusto. In Germania la credenza è che fare un augurio di compleanno troppo anticipato non porti bene, ma soprattutto è un segno irrispettoso vero il festeggiato. E' come se vi toglieste un peso e non voleste condividere con lui la felicità nel giorno giusto. Cose complicate, lo so... ma tant'è!

Kenya: non chiamate una persona con il suo primo nome.


Sei un turista, ospite del loro paese quindi per una sorta di rispetto reciproco puoi chiamare per nome una persona del luogo solo se lui ti ha nominato per primo. Ha un certo effetto domino. Solo dopo aver superato questo ostacolo le barriere virtuali tra di voi sono crollate.

Chile: non mangiate con le mani.


Nulla di strano. In tutti i paesi moderni solitamente si mangia con le consuete posate. Specialmente in Cile, dovreste evitare di mangiare con le mani. Se poi andate al Mc... tutto il mondo è paese: hamburgerazzo con le mani e via...

Singapore: non mangiate sui trasporti pubblici.


In Singapore la disciplina è tutto. Non puoi salire sui mezzi di trasporto pubblico con il cibo. Inoltre non puoi dar da mangiare agli uccelli e Also don't feed birds, non puoi buttare per terra i mozziconi di sigaretta e, finalmente una regola giusta, non puoi sputare per strada.

USA: lasciate la mancia


Al contrario del Giappone dove la mancia è vista di cattivo occhio, in USA è chiaramente una sorta di obbligo. In realtà ci sono anche certe percentuali di mancia da seguire in base alla soddisfazione del cliente stesso rispetto al servizio ricevuto. In linea di principio, una mancia giusta si assesta tra il 15% - 20% sul totale del conto. Ah.. se le cameriere (strano ah?) sono molto disponibili non è perché vogliono il tuo numero di telefono, ma per convincervi a lasciar giù più 'dinero'.

Ungheria: Non far mai toccare i bicchieri durante un brindisi.


Anche se è una vecchia abitudine, alcune persone preferiscono ancora di evitare il contatto dei bicchieri durante il brindisi soprattutto quando si beve birra. Non chiedetemi il perché ma è così.

Cina: non regalate un orologio o un ombrello


La credenza popolare cinese può essere strana per gli occhi degli occidentali: regalare un ombrello od un orologio ad un cinese non è una scelta clamorosamente giusta: sono sintomo di cattiva fortuna. Evitate magari.

Skuola | TV
Buone vacanze!

La Skuola Tv torna a settembre, nel frattempo continua a seguirci!

1 settembre 2020 ore 11:00

Segui la diretta