Traduzione dal Latino all'Italiano di Ab Urbe Condita, Livio

Versioni di latino e traduzione dell'opera Ab urbe condita dello storico romano Tito Livio, con la spiegazione della storia della fondazione di Roma.La raccolta si compone di 142 libri che narrano la storia romana fino alla morte di Druso (9 a.C.). L'intento di Tito Livio è celebrativo della grandezza di Rome e dell'impero. L'opera alterna lo stile della cronologia storica a quello della narrazione, denunciando la decadenza dei valori dell'origine. I racconti contenuti in Ab urbe condita condizionarono l'oratoria dell'imperatore Claudio, di cui Tito Livio fu educatore.

Ordina risultati per:

Ab Urbe Condita - Libro 9 - Paragrafo 43

In Samnio quoque, quia decesserat inde Fabius, novi motus exorti. Calatia et Sora praesidiaque quae in his Romana erant expugnata et in captivorum corpora militum foede s...

Ab Urbe Condita - Libro 9 - Paragrafo 44

Dictatorem idem annus habuit P. Cornelium Scipionem cum magistro equitum P. Decio Mure. Ab his, propter quae creati erant, comitia consularia habita, quia neuter consulum...

Ab Urbe Condita - Libro 9 - Paragrafo 45

P. Sulpicio Saverrione P. Sempronio Sopho consulibus Samnites, seu finem seu dilationem belli quaerentes, legatos de pace Romam misere. Quibus suppliciter agentibus respo...

Ab Urbe Condita - Libro 9 - Paragrafo 46

Eodem anno Cn. Flavius Cn. Filius scriba, patre libertino humili fortuna ortus, ceterum callidus vir et facundus, aedilis curulis fuit. Invenio in quibusdam annalibus, cu...

Ab Urbe Condita - Libro 9 - Paragrafo 17 - Esaltazione dei condottieri romani

Nihil minus quaesitum a principio huius operis videri potest quam ut plus iusto ab rerum ordine declinarem varietatibusque distinguendo opere et legentibus velut devertic...

Ab Urbe Condita - Libro 9 - Paragrafo 18 - Non si può fare un confronto tra le imprese di un singolo uomo

Et loquimur de Alexandro nondum merso secundis rebus, quarum nemo intolerantior fuit. Qui si ex habitu novae fortunae novique, ut ita dicam, ingenii quod sibi victor indu...

Ab Urbe Condita - Libro 9 - Paragrafo 19 - Superiorità delle forze armate dei Romani e loro valore

Restat ut copiae copiis comparentur vel numero vel militum genere vel multitudine auxiliorum. Censebantur eius aetatis lustris ducena quinquagena milia capitum. Itaque in...

Ab Urbe Condita - Praefatio - Paragrafo 1 - Praefatio

Facturusne operae pretium sim si a primordio urbis res populi Romani perscripserim nec satis scio nec, si sciam, dicere ausim, quippe qui cum veterem tum volgatam esse re...