Che materia stai cercando?

Esercitazione riassuntiva esame di Teoria dei giochi. Testo consigliato: Economia della Felicità. Kahneman Daniel

Esercizi di Teoria dei giochi elaborati dal publisher sulla base di appunti personali e frequenza delle lezioni del professore Graziano, UNiversità degli Studi di Messina - Unime, Facoltà di Lettere e filosofia, Corso di laurea in scienze cognitive e teorie della comunicazione. Scarica il file con le esercitazioni in formato PDF!

Esame di Teoria dei giochi docente Prof. M. Graziano

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Dal punto di vista dello psicologo, il concetto di razionalità normalmente richiamato nel dibattito economico è per certi

aspetti sorprendentemente permissivo e per certi altri straordinariamente rigoroso. Così, ci si accinge a esaminare

criticamente l’assunto della razionalità deve andare all’attacco dei seguenti ben muniti fortini:

• Una definizione di razionalità che in alcuni punti importanti sembra troppo permissiva;

• Un’inclinazione dei teorici delle scelte a rendere la teoria ancora più permissiva, quanto è necessario per

comprendervi apparenti violazioni dei suoi requisiti;

• Una posizione metodologica che tratta la razionalità come un’ipotesi confermata , rendendo difficile confutarla;

• Un’apparente netta disposizione a presumere che un comportamento non si sia dimostrato irrazionale sia per

questo molto intelligente.

Capitolo 2. Il giudizio in condizioni d’incertezza: euristiche e bias.

Non sempre siamo perfettamente razionali nelle nostre decisioni , molte di esse vengono prese sulla base di convinzioni

riguardanti la probabilità di eventi incerti. A volte la nostra mente ricorre in modo automatico ad escamotage cognitivi che

fanno risparmiare tempo e fatica. L’euristica è quella procedura che semplifica le operazioni che ci portano ad arrivare ad

una data conclusione. Nonostante l’euristica sia di grande aiuto , a volte, ci induce a commettere errori gravi e

sistematici(bies). Nelle teorie di Kahneman e Tversky è possibile adottare tre tipi di euristica.

L’euristica della rappresentatività. si tende ad attribuire caratteristiche simili a oggetti simili, spesso ignorando

informazioni che dovrebbero far pensare il contrario. Ad esempio Steve è una persona molto timida e riservata. È

sempre pronto a dare una mano ma non ama stare in mezzo alla gente. Se ci dessero una lista di possibili professioni

come assegneremo ad una di esse la probabilità che sia quella di Steve? Molto probabilmente in base alla descrizione

personale gli attribuiremo la professione di bibliotecario. Ma con questo approccio si commettono vari errori, in quanto

l’atteggiamento o la personalità può essere condizionata da fattori esterni e quindi inattendibile.

L’euristica della disponibilità. si tende a stimare la probabilità di un evento sulla base della vividezza e dell'impatto

emotivo di un ricordo, piuttosto che sulla probabilità oggettiva. Ad esempio, il rischio di una spedizione in regioni

inesplorate può essere stimato immaginando circostanze accidentali che il gruppo non è preparato ad affrontare. Se a

molte di queste difficoltà viene dato eccessivo rilievo, l’impresa potrà apparire esageratamente pericolosa, anche se la

facilità con cui è possibile immaginare potenziali disastri non corrisponde alla loro effettiva probabilità di verificarsi. Al

contrario, i rischi di un’iniziativa potrebbero essere gravemente sottovalutati se alcuni dei potenziali pericoli sono difficili

da immaginare o, semplicemente, non vengono in mente.

Euristica dell'ancoraggio . se si deve dare una stima di probabilità di un evento, essa è sistematicamente influenzata da

un termine di paragone.

Capitolo 3. Il framing delle decisioni e la psicologia delle scelte.

La teoria del prospetto è una teoria della decisione formulata dagli psicologi Kahneman e Tversky. Essa rappresenta una

alternativa alla teoria dell’utilità di Von Neumann. Ciò significa che mentre la teoria classica dell’utilità aveva il fine di

stabilire le condizioni ideali ‘normative’ secondo cui una decisione può essere definita ‘razionale’. La teoria del prospetto

si propone invece di fornire una descrizione di come gli individui effettivamente si comportano di fronte ad una decisione

in cui è conosciuta( o si può stimare) la probabilità associata ai possibili esiti di ogni alternativa a disposizione.

La funzione valore è descritta dall’equazione

dove è una trasformazione, non lineare, delle probabilità .


PAGINE

4

PESO

25.38 KB

AUTORE

SODESI

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze cognitive e teorie della comunicazione
SSD:
Università: Messina - Unime
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher SODESI di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Teoria dei giochi e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Messina - Unime o del prof Graziano Mario.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!