Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

dell’altro, facendo affidamento sull’altro per la soddisfazione dei loro desideri.

Sia nella realizzazione di una Cooperazione sia in quella di Interazione gli essere umani necessitano

della Comunicazione. Possiamo quindi dire che la Comunicazione necessita di forme di Cooperazione

e di Interazione.

L’Interazione comunicativa permette ad ogni agente di costruire uno schema d’azione che coincide con

alcuni intenti dello schema d’azione dell’altro agente:

1. “Se darai il tuo voto a me, io ti raddoppierò la paga”

“If you give your vote to me, I’ll double your pay”

La catena causale è il raddoppio della paga

Un messaggio è manipolativo se distorce la visione del mondo nella testa del destinatario, a cui viene

impedito di avere un’attitudine corretta verso la decisione, e quindi realizza gli obiettivi del

manipolatore nell’illusione di perseguire i propri.

2. “X e Y sono due candidati alle elezioni. Se X dice che Y è un ladro senza che questo sia vero è un

manipolatore; se invece si limita a descrivere i fatti cosi come sono non si tratta di manipolazione ma di

realtà”.

il manipolatore induce la vittima ad acconsentire attraverso un falso stato di cose

visione del mondo umano attuale che è distorto; la disonestà è un fatto umano

Le definizioni date non intendono spiegare tutta la complessa strategia della manipolazione; esse si

focalizzano soltanto su meccanismi manipolativi elementari. Ciò che viene omesso è che la

manipolazione può distorcere il mondo del destinatario anche senza essere scoperta. Infatti, una bugia

per avere successo deve sembrare vera, una promessa insincera deve sembrare autentica. Ciò che è

negativo deve travestirsi di positivo.

Le dinamiche di manipolazione possono dirsi strettamente collegate con le dinamiche degli errori

umane. Più precisamente la manipolazione fa incorrere in errore la persona manipolata.

Possiamo quindi interpretare il verbo “manipolare” come “indurre in errore”; in altre parole

incoraggiare gli errori di una persona, concentrando la sua attenzione solo sugli aspetti positivi.

“Indurre in errore” ha dunque due possibili interpretazioni:

agire intenzionalmente in modo da favorire gli errori dell’altro

comportarsi in maniera riluttante in modo da indurre l’altro in errore

Il caso più interessante di manipolazione si presenta nel momento in cui una persona gia manipolata,

cerca di convincerne un’altra. Quindi il processo di manipolazione è ancora più incisivo quando è

indotto da qualcuno di già manipolato.

Arriviamo a una conclusione significativa:

Il nostro fine non è una valutazione morale, ma un’analisi critica mirata alla scoperta dei processi

manipolativi e auto-manipolativi, in modo da preservare la nostra società contemporanea dal ripetere

gli errori del passato.

Si tenta ora di fare un’analisi e una classificazione dei processi manipolativi:

Falsità e Insincerità

La Falsità distorce la visione del reale nel manipolato.

L’Insincerità è relazionata agli atti comunicativi intesi come promesse.

La Falsità assume la forma della Disinformazione quando il manipolatore controlla tutto il sistema

comunicativo evitando quindi di essere contraddetto.

In ogni caso la manipolazione può avere successo se viene legittimata dal sistema di comunicazione

del manipolatore. Quindi l’esistenza di un unico sistema di informazione riduce lo possibilità di un

controllo critico da parte dei cittadini.

Di conseguenza una falsa immagine di ciò che è possibile e impossibile distorce i nostri processi

decisionali se la visione di essere umano è distorta, anche i diritti umani vengono fraintesi.

Nascondere la verità è un aspetto della falsità e della disinformazione: esempio.

Potremmo desumere che il comportamento del popolo tedesco verso la politica di Hitler avrebbe potuto

essere differente se essi avessero conosciuto la verità sulle persecuzioni antisemitiche di Hitler.

Fallacia - Ingannevolezza

Abbiamo sottolineato che la Falsità e l’Insincerità danno una visione corrotta del mondo al quale la

comunicazione fa riferimento.

Ma la manipolazione può intervenire anche nei processi deduttivi di elaborazione della conoscenza e

nella presa di decisioni sulla base di informazioni corrette. Nella tradizione retorica questo tipo di

manipolazione è chiamata Fallacia.

E’ senza dubbio la prima forma di manipolazione che è stata fatta oggetto di analisi scientifica

(Aristotele De Sophisticis elenchis). Cosi dal momento in cui gli antichi sofisti credevano

nell’applicazione delle distorsioni manipolative, il termine “sofismo” è utilizzato come sinonimo di

fallacia. Aristotele elenca 13 tipi di fallacie.

Sei fallacie sono connesse a fenomeni diversi, come l’ambiguità e altri tipi di vaghezze semantiche;

possono causare inconsistenze logiche nei processi deduttivi e interessano i fenomeni di ambiguità a

diversi livelli.

1. Inadeguatezza : fa riferimento ad un singolo soggetto lessicale, mentre l’Anfibologia (ambiguità)

concerne una frase intera.

2. Ambiguità

3./4. Combinazione di parole e una Diversa Divisione delle Parole: in una frase produce una differenza

di significati.

5. Formazione di parole : è anch’essa una possibile fallacia.

6. Accenti

Le altre 7 sono Fallacie indipendenti dal linguaggio, che quindi non sono legate alle funzioni

semiotiche:

1.Caso: fa riferimento all’incorretta deduzione dell’identità di due termini che ricevono lo stesso

attributo: “Socrate è un animale- l’asino è un animale- Socrate è un asino”

2. Secundum Quid et Simpliciter: avviene quando una caratteristica riferita ad una determinata qualità

è generalizzata. “John è un bravo nuotatore- John è bravo”

3.Ignoratio Elenchi: conosciuta anche come conclusione irrilevante, può essere tradotta come quel

particolare tipo di HYPERLINK "http://it.wikipedia.org/wiki/Fallacia" \o "Fallacia" fallacia che

consiste nel presentare un argomento di per sé valido, ma fuori tema. “John è celibe e John è sposato-

John è sia sposato che non sposato”

4. Secundum Consequens: deduce la premessa dalla conseguenza “Se un uomo che ha la febbre è caldo

– Un uomo che è caldo deve avere la febbre” “Se dopo la pioggia il terreno è umido- Se il terreno è

umido deve aver piovuto”.

5. Non-causa-ut-causa: avviene quando un’ipotesi è rifiutata implicando una falsa conseguenza, ma la

vera causa di questa falsità è un’altra, e cosi l’ipotesi potrebbe essere vera.

Supponiamo che la logica sia una parte della matematica, che è una dei fondamenti della scienza dei

computer, e perciò molto importante. Ma la scienza del computer rimpiazza completamente

l’elaborazione umana, che è matematica. Cosi la matematica, essendo rimpiazzata dalla scienza del

computer, non può essere parte di essa. Questa fallacia si focalizza sulla mancanza di coerenza testuale

più che su una logica non sequitur.

6. Petitio Principi : è tradotto come quel tipo di fallacia nel quale le parole usate nella premessa sono

sinonimi delle parole usate nella conclusione. Quindi la conseguenza interviene nella premessa. “Il

partito per cui votiamo difende i nostri interessi in quanto è il partito del popolo”

7. Many questions: si riferisce alle domande dove apparentemente la domanda posta è una ma altre

sono implicite in essa. “Perché hai bistrattato il party?”

Nella tradizione degli studi di argomenti e fallacie meritano di essere menzionati gli studiosi di logica

medievale; in particolare tra i moderni, John Locke è legato alle cosiddette “ad fallacie”:

ad verecundiam : dissuade dal rifiutare un’opinione per non essere arrogante nei confronti della fonte

autoritaria

ad hominem : oppone un’argomentazione che si focalizza non sulla forza argomentativa del discorso,

ma sulla qualità o sul comportamento dell’obiettore

ad ignorantiam : induce ad aderire semplicemente perché l’altro non è in grado di proporre un’opinione

accettabile

ad iudicium : si fonda sulla forza dell’argomento stesso

Presupposizioni che violano

Questo tipo di manipolazione fu identificato da Gottlob Frege, il quale notò la natura manipolatoria

della frase “La Volontà dei Popoli”

La fallacia che abbiamo precedentemente illustrato come “many questions” è basata sullo stesso

sistema manipolativo, che ha una applicazione molto ampia. Questo mezzo è radicato nell’introduzione

di una falsa informazione nelle strutture del discorso, richiedenti informazioni vere e condivise. Gli

effetti manipolativi di questo mezzo sono:

Il controllo critico da parte del destinatario sull’informazione presupposta è più debole di quello

esercitato su un’informazione asserita

Il destinatario è indotto ad ignorare qualcosa che avrebbe invece dovuto conoscere

Dal momento in cui tutti i gruppi umani trovano se stessi all’interno di determinate presupposizioni

(cultura, credi, valori), la negazione di tali presupposizioni è sentita come un tradimento di tale gruppo.

Cosi le presupposizioni lavorano come testi di fedeltà.

La Manipolazione sfrutta l’istinto umano di fare riferimento alla totalità

I vizi della comunicazione fanno spesso un uso scorretto di esigenze e tendenze degli uomini.

Quando per esempio abbiamo a che fare con una manipolazione sfruttativa delle necessità umane

riferite alla totalità. Gli essere umani tendono a cercare dei principi che hanno una validità generale, e

ogni singolo dato viene interpretato come un segno della verità totale. In certi casi questo non è

perfettamente corretto,in quanto rappresenta soltanto un accelerazione del progresso scientifico.

L’errore sorge da semplificazioni illecite. Un aspetto di questa applicazione illecita del nostro istinto a

universalizzare è collegato alla fallacia di generalizzazione frettolosa. Questa fallacia è collegata con la

fallacia secundum quid.

Associamo a questa fallacia la pratica comune di costruire degli stereotipi etnici innocui che vanno a

creare il terreno ideologicamente inquinato dal quale sorgono molti conflitti etnici.

Quindi il rischio di generalizzazione manipolativa sorge quando da una caratteristica relativa ad un

particolare del carattere si passa alla caratterizzazione dell’intera persona.

C’è un altro pericolo di manipolazione relativo all’istinto universalizzante che consiste nello

sfruttamento manipolativo del potere dei media che controllano il mondo politico ed economico. Infatti


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

7

PESO

48.73 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere (BRESCIA - MILANO)
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher valeria0186 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Linguistica generale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cattolica del Sacro Cuore - Milano Unicatt o del prof Gatti Maria Cristina.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Linguistica generale

Negazione - prospettiva semantico-pragmatica - parte 1
Appunto
Negazione - prospettiva semantico-pragmatica - parte 2
Appunto
Linguistica generale - introduzione
Appunto
Le strutture intermedie
Appunto