Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

istruzione si controlla se la pagina logica che la contiene è già in memoria,

altrimenti viene caricata, mentre quando la memoria è satura, il SO scarica la

pagina logica usata meno di recente e carica quella richiesta. Il difetto di

questo metodo è che la suddivisione in pagine logiche avviene in modo

arbitrario dal SO (quindi senza considerare se ad esempio una istruzione inizia

alla fine di una pagina e finisce all’inizio di un’altra, comportando la

compresenza di quelle pagine in memoria, quando la suddetta funzione viene

richiamata)

Metodo della segmentazione: con questo metodo viene risolto il problema

 principale della paginazione, in quanto la suddivisione di ogni processo ora

avviene in segmenti di lunghezza variabile stabilita dal programmatore; con

questo metodo si ripresenta il problema della frammentazione della memoria,

che può però essere risolto mediante l’introduzione di routine che compattino

le aree di memoria libere (garbage collection)

VI. Gestione Memoria di Massa e Files

Le memorie di massa sono i dispositivi hardware che consentono la memorizzazione

di qualsiasi tipo di dato.

Tutto ciò che viene registrato su memoria di massa prende il nome di (es. testo,

file

applicazione, immagine, filmato, suono, ecc.).

Il è un meccanismo con il quale i file sono posizionati e organizzati sulla

file system

memoria di massa. Questo consente all’utente, e in particolare al programmatore, di

riferirsi ai file attraverso nomi simbolici di identificazione, senza preoccuparsi degli

aspetti riguardanti la gestione del supporto di memoria di massa, o della

registrazione fisica dei dati sul supporto.

La struttura del file system, nei SO più diffusi come Windows e Linux, è ad albero;

abbiamo una directory (cartella) di livello più elevato di tutte le altre, chiamata root

(radice), che è da considerarsi la cartella delle cartelle, in quanto le contiene tutte; la

struttura ad albero risulta poi composta da nodi non terminali (directory) e da nodi

terminali (foglie) che sono i file veri e propri.

Per individuare un file in modo assoluto all’interno della memoria di massa si deve

indicare il suo che consiste nel cammino che si deve fare partendo dalla

pathname,

root fino ad arrivare al file.

VII. Interprete dei comandi

L’interprete dei comandi (o è la parte del sistema operativo più vicina

shell)

all’utente, ed è quel programma che rende possibile l’interazione tra l’utilizzatore,

molto spesso non esperto di informatica, e il dispositivo.

Enrico Siboni 8

Le prime shell erano testuali, e quindi non proprio semplici da utilizzare, ma con

molto più

l’introduzione di icone, finestre e puntatori si è passati alle shell grafiche,

intuitive per i principianti.

Ancora più recentemente, con la tecnologia touch, si sono potuti sostituire i

puntatori con le dita, portando un’ulteriore semplificazione nell’uso e una maggiore

intuitività.

4 – Differenze tra i principali SO mobili

Con le potenzialità offerte dall’hardware dei dispositivi sul mercato, la scelta di un

sistema operativo rispetto ad un altro può comportare differenze significative. Per

questo motivo, nella decisione dell’acquisto, gli utenti cominciano sempre più a

considerare non solo l’estetica e il budget a disposizione, ma anche il sistema

operativo più congeniale, a seconda dell’uso che pensano di doverne fare.

I principali sistemi operativi mobili sono:

Apple iOS

Android

BlackBerry OS

Windows Phone

Symbian OS

Apple iOS

iOS è il sistema operativo sviluppato da Apple per iPhone, iPad e iPod touch. Grazie

allo schermo interamente touch screen, il successo sul mercato è stato immediato. Si

tratta di un sistema veloce, stabile e facile da utilizzare. L’unico “svantaggio” si trova

nei limiti di personalizzazione, in quanto si tratta di un sistema operativo piuttosto

chiuso: la prima versione, infatti, non supportava l’installazione di applicazione di

terze parti, a favore però di una maggiore sicurezza. Questa lacuna fu colmata nella

versione successiva con la creazione dell’App Store, un “negozio virtuale” di

applicazioni realizzate da sviluppatori indipendenti da Apple. Con più di 500.000 app

di ogni genere tra cui poter scegliere (gratis o a pagamento), la personalizzazione

dello smartphone non conosce praticamente più limiti.

Enrico Siboni 9

Android

Questo sistema operativo fu presentato da un consorzio di produttori chiamato Open

Handset Alliance (composto, tra gli altri, da ASUS, HTC, Intel, LG, Motorola, Samsung

e NVIDIA), di cui è capofila. L’obiettivo di questo consorzio era quello di

Google

sviluppare "standard aperti" per dispositivi mobili. Il successo di Android (basato su

Linux) è proprio dovuto al fatto di essere (i sorgenti delle versioni

open source

vengono resi pubblici, anche se solo a ridosso del lancio) e completamente

personalizzabile, permettendo alle case produttrici di adattare funzionalità e grafiche

utenti, e a terzi di sviluppare liberamente software per questo sistema operativo.

L’estrema varietà di piattaforme hardware e software ne limita tuttavia le

potenzialità: le applicazioni non possono essere ottimizzate per tutti i dispositivi,

motivo per cui le prestazioni possono variare a seconda del dispositivo su cui sono

installate.

Un problema dell’essere un sistema aperto è l’assenza di un controllo centralizzato

delle applicazioni: mentre Apple revisiona tutte le app proposte dagli sviluppatori

(testandone prestazioni, sicurezza, stabilità, ecc.) prima di pubblicarle sull’App Store,

Google non obbliga gli sviluppatori a passare dal controllo del Marketplace,

permettendo di fatto la pubblicazione di app potenzialmente instabili o insicure.

Android è oggi il sistema operativo di smartphone e tablet più diffuso nel mondo:

oltre ad essere qualitativamente valido, è adottato da tanti produttori e per un’ampia

varietà di dispositivi, permettendone una distribuzione a consumatori di tutte le fasce

d’acquisto. Di questi, i più venduti sono i vari modelli di Samsung e HTC.

BlackBerry OS

BlackBerry OS è un sistema operativo mobile proprietario, sviluppato da Research In

Motion (RIM) per la sua linea di smartphone BlackBerry. La piattaforma BlackBerry è

stata appositamente studiata per l’utilizzo in un ambiente lavorativo. Una

funzionalità molto importante infatti è la possibilità di ricevere le e-mail direttamente

sul cellulare, come se fossero dei normali SMS, senza quindi il bisogno di connettersi

al proprio server di posta per verificare la presenza di nuove e-mail. A questo scopo è

stato predisposto un apposito server (il BES, BlackBerry Enterprise Server), il quale

gestisce la connessione con i telefoni selezionati e la loro sincronizzazione in tempo

reale di e-mail, calendario, attività, note e contatti.

Come per iOS, i codici sorgenti sono proprietari, ciò significa che non sono pubblici e

quindi non possono essere visionati da terze parti, a differenza di Android i cui

sorgenti sono invece open source. Enrico Siboni 10

Windows Phone

Windows Phone, precedentemente Windows Mobile e ancora prima Pocket PC, è un

sistema operativo compatto di realizzazione della Microsoft. I principali dispositivi

dotati di questo sistema operativo (in alcuni modelli) sono prodotti da HTC, LG e

Samsung. Anche Nokia si sta tuttavia interessando al sistema della Microsoft: basti

pensare al tanto pubblicizzato Nokia Lumia 800, uscito alla fine del 2011.

Il lancio di Windows Phone 7 è stato quasi un flop, perché non è stato capace di avere

quel successo mondiale sperato. Sembra infatti che Microsoft abbia un problema nel

rapporto con i produttori di dispositivi e con gli operatori mobili.

Android è riuscito a emergere grazie alla possibilità, che ha dato agli operatori mobili

e ai produttori di smartphone, di inserire le proprie applicazioni nel SO e di

personalizzarlo (con un termine moderno “brandizzarlo”) a loro piacimento. Apple

ha avuto successo tagliando fuori dal gioco il produttore, infatti lui stesso produce i

suoi dispositivi. Windows Phone invece non è riuscito ad inserirsi tra i vari attori del

mercato e, in aggiunta alla pubblicizzazione piuttosto scarsa, ha fallito nel riscuotere

il successo annunciato.

Symbian OS

Symbian OS è il sistema operativo più “vecchio” tra quelli presenti sul mercato, di cui

Nokia, nel 2008, ne è diventata il proprietario e lo ha reso open source.

Per Symbian OS è disponibile un discreto numero di programmi scaricabili da Ovi

Store, sia gratuiti che a pagamento, il che ne fa un prodotto espandibile e

personalizzabile. Sono stati importati numerosi giochi da console, in versione Mobile

adattati al telefono, e il SO è fornito di un navigatore gratuito (Ovi Maps) e

performante su tutti gli smartphone. Attualmente è anche possibile visionare e (in

alcuni casi) modificare direttamente dal telefono documenti di Word, Excel,

PowerPoint, Outlook Express e PDF.

Enrico Siboni 11

5 – Andamento di mercato SO

Vendite Mondiali di Smartphone (Migliaia di Unità)

Windows Windows

iOS BlackBerry

Android Symbian Bada Other

Phone Mobile

2007 1° trim. 0 2.080 2.931 15.844 4.087

2007 2° trim. 270 2.471 3.212 18.273 3.628

2007 3° trim. 1.104 3.192 4.180 20.664 3.612

2007 4° trim. 1.928 4.025 4.374 22.903 3.536

2008 1° trim. 1.726 4.312 3.858 18.400 4.113

2008 2° trim. 893 5.594 3.874 18.405 3.456

2008 3° trim. 0 4.720 5.800 4.053 18.179 3.763

2008 4° trim. 0 4.079 7.443 4.714 17.949 3.958

2009 1° trim. 575 3.848 7.534 3.739 17.825 2.986

2009 2° trim. 756 5.325 7.782 3.830 20.881 2.398

2009 3° trim. 1.425 7.040 8.523 3.260 18.315 2.531

2009 4° trim. 4.043 8.676 10.508 4.203 23.857 2.517

2010 1° trim. 5.227 8.360 10.753 3.696 24.068 2.403

2010 2° trim. 10.653 8.743 11.629 3.059 25.387 577 2.011

2010 3° trim. 20.544 13.484 12.508 2.204 29.480 921 1.991

2010 4° trim. 30.801 16.011 14.762 0 3.419 32.642 2.027 1.488

2011 1° trim. 36.350 16.883 13.004 1.600 982 27.599 1.862 1.495

2011 2° trim. 46.776 19.629 12.652 1.724 23.853 2.056 1.051

2011 3° trim. 60.490 17.295 12.701 1.702 19.500 2.479 1.018

2011 4° trim. 75.906 35.456 13.185 2.759 17.458 3.111 1.167

2012 1° trim. 81.067 33.121 9.939 2.713 12.467 3.842 1.243

2012 2° trim. 98.529 28.935 7.991 4.087 9.072 4.209 863

2012 3° trim. 122.480 23.550 8.947 4.058 4.405 5.055 684

2012 4° trim. 144.720 43.457 7.333 6.186 2.569 2.684 713

2013 1° trim. 156.186 38.332 6.219 5.989 1.349 1.371 600

Se facciamo una interpolazione matematica (o per punti noti) di questi dati

otteniamo il seguente grafico: Enrico Siboni 12

Vendite Mondiali di Smartphone (Migliaia di Unità)

160.000

140.000

120.000

100.000

80.000

60.000

40.000

20.000

0 m.

.

.

.

.

.

.

.

m.

. m.

.

.

.

.

. . .

m.

m. . . .

m.

. im

im

im

im

im

rim

rim

im

im

im

im

rim

rim

rim

im im rim im im i

i

i

i

i

i r

Tr

r

r

Tr

Tr

r

Tr r

Tr Tr

r

r

r

r

r

r r r T

T

T

T

T

T

T

T T T T

T

T

T

T

T

T T T °

°

°

°

°

°

°

°

°

° 1°

°

°

°

°

°

2° ° °

1° ° ° 1

2

1

4

3

4

2

3 4 1 4

3

2

1

3 3 4 2

1 3

12

12

1

1

0

0

10

10

8

8

7

07

07 7 8 2

2

1

1

9

9

8 9 9 1

1

1

1

01

01

01

01

0

0

0

0

00

00 00 00 0 0 01

20 20

20

20

20

20 20

20

20

20

20

20

20

20 20 20 2

2

2

2

2

2

2 2 2

Android iOS BlackBerry Windows Phone Windows Mobile Symbian Bada Other

Come si può notare il sistema operativo che ha venduto più dispositivi è Android, SO

di Google, che infatti nel’arco di poco più di 4 anni e mezzo ha scavalcato tutti i

concorrenti con una velocità spaventosa e ha conquistato la leadership nel settore.

Ora, concentrandoci sulle vendite del SO Android, cercheremo una funzione che

rappresenti al meglio il fenomeno verificatosi, attraverso una interpolazione

statistica (o fra punti noti).

Per trovare la funzione ci avvarremo del che consiste nel

metodo dei minimi quadrati

ricavare i parametri di questa che soddisfino la condizione di accostamento, cioè in

e i

modo che sia minima la somma dei quadrati delle differenze fra i valori osservati y

i

valori teorici ŷ .

i Enrico Siboni 13

Retta y=a+bx = 25

i

∑ 2

ϕ = − −

( ; ) ( )

a b y a bx

Funzione da minimizzare: i i

=

1

i

Quindi si calcolano le derivate parziali prime (si omettono gli indici delle sommatorie

per semplificare la scrittura) e si risolverà il sistema:

∑ ∑

 + =

na b x y

 ∑ ∑ ∑

2

 + =

a x b x xy

Si ricava (utilizzando le vendite in milioni di unità) a= -36,5215 b= 9,9176

Il grafico a dispersione con la funzione interpolante è questo:

200 y = 9,9176x - 36,521

150

100

50

0 0 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18

-50

Per capire se la funzione trovata accosta bene i punti del grafico si può utilizzare

l’indice quadratico relativo:

∑ Indica un cattivo accostamento

2

− ˆ

( )

y y perché dovrebbe essere almeno

= 0,278588486

n <=0,10 per accostare in modo

=

I ∑

2 ˆ

y accettabile i punti

n

Per capire invece se la funzione rappresenta bene il fenomeno si deve calcolare il

coefficiente di determinazione:

∑ Indica che la funzione

2

− ˆ

( )

y y = 0,916221602

δ = − rappresenta discretamente il

1 ∑ 2

( )

y y fenomeno, ma per essere

soddisfacente dovrebbe

è la media delle y

y

Dove essere >= 0,95

Enrico Siboni 14


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

16

PESO

487.99 KB

AUTORE

siboXD

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in ingegneria informatica
SSD:
Università: Bologna - Unibo
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher siboXD di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Elementi di Sistemi Operativi e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bologna - Unibo o del prof Carbonaro Antonella.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Elementi di sistemi operativi

Elementi di sistemi operativi - programmazione nel linguaggio C - Esercizi
Esercitazione
Sistemi Operativi Mobili , Presentazione - Appunti
Appunto
Sistemi Operativi Mobili , Presentazione - Appunti
Appunto
Programmazione - C - Voti Studenti
Esercitazione