Che materia stai cercando?

Sistema riproduttore

Appunti di anatomia sul sistema riproduttore basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni dell’università degli Studi di Milano - Unimi, facoltà di Medicina e Chirurgia, del Corso di laurea in infermieristica. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Anatomia docente Prof. P. Biologia

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Inferiormente essa riveste il legamento scrotale e in corrispondenza dell’ilo del

testicolo risale il funicolo spermatico rivestendolo.

Al di sotto del foglietto viscerale della tonaca vaginale propria, il testicolo è

rivestito da una tonaca albuginea formata da fasci di fibre di collagene, questa

conferisce al testicolo la consistenza, è in corrispondenza del margine

posteriore del testicolo dove forma il mediastino.

Dalla superficie interna della tonaca albuginea prendono origine numerosi setti

che convengono verso il mediastino e suddividono il testicolo in 200-300 logge.

All’interno di esse si trova il connettivo lasso che da sostegno e attraverso i

vasi, nutrizione a un sistema di tubuli seminiferi contorti e cellule interstiziali.

Il testicolo è formato da uno stroma e un parenchima. Il primo rappresentato

dalla tonaca albuginea, dal mediastino, dai setti del connettivo delle logge che

circonda i tubuli seminiferi e contiene le cellule interstiziali che formano la

ghiandola interstiziale del testicolo. Il parenchima è rappresentato dai tubuli

seminiferi contorti.

I tubuli seminiferi contorti sono condotti lunghi 30-100 cm che occupano le

logge del testicolo in numero di 1-3 per loggia, sono formati da cellule di

sostegno e cellule germinali che produce spermatozoi a partire dalla pubertà.

Le cellule di sostegno contribuiscono allo sviluppo degli spermatozoi e

rilasciano l’ormone inibina che regola la produzione degli spermatozoi. Le

cellule di sostegno sono connesse tra loro mediante le barriere emato-

testicolare che produce le cellule germinali e i leucociti circolanti.

Lo spazio intorno ai tubuli è definito spazio interstiziale dove ci sono le cellule

interstiziali. L’ormone luteinizzante stimola queste cellule a sintetizzare ormoni

androgeni, ce ne sono diversi e il più importante è il testosterone che stimola

nel maschio la produzione di spermatozoi e indicono lo sviluppo dei caratteri

sessuali come distribuzione di peli, muscolatura, timbro della voce…

Sviluppo degli spermatozoi: spermatogenesi e spermiogenesi

La spermatogenesi è il processo di sviluppo dello spermatozoo che si verifica

all’interno del tubolo seminifero del testicolo. Comincia con la pubertà.

Tutti gli spermatozoi hanno origine da spermatogoni che sono cellule diploidi e

sono situate alla base del tubolo seminifero circondate da citoplasma delle

cellule di Sertoli.

Per generare spermatozoi, gli spermatogoni devono dividersi in modo mitotico

ed una delle due cellule è il nuovo spermatogonio e l’altra il spermatocita

primario che va incontro a meiosi e diventano due spermatociti secondari che

sono aploidi (23 cromosomi).

Gli spermatociti secondari completano la meiosi e danno origine agli

spermatidi, nel corso della spermiogenesi, la fase finale si differenziano in

spermatozoi che non hanno tutte le caratteristiche fondamentali al successo

nella progressione attraverso le vie genitali femminili.

Lo spermio deve lasciare il tubulo seminifero attraverso una rete di dotti e

stazionare nell’epididimo per acquistare mobilità.

Vie genitali nel sistema della riproduzione maschile

Entrambi i testicoli, possiedono una serie di dotti, le reti si continuano con un

sistema di dotti che trasportano e immagazzinano spermatozoi maturano e

procedono.

Rete testis

È una rete di canalicoli situata nel mediastino testicolare che riceve gli

spermatozoi provenienti dai tubuli seminiferi, è rivestita da epitelio cubico

semplice. I canalicoli della rete si fondono per formare i condottini efferenti che

sono circa 15 e collegano la rete testis con l’epididimo. Sono rivestiti da epitelio

cilindrico ciliato e non cililiato. I condottini sboccano nell’epididimo.

Epididimo

Struttura a forma di cresta, la testa poggia sul polo superiore del testicolo

mentre il corpo e la coda aderiscono alla superficie posteriore della gonade.

Nell’epididimo si accumulano spermatozoi in attesa di raggiungere la maturità

e divenire mobili.

Dotto deferente

Quando gli spermatozoi lasciano l’epididimo entrano nel dotto deferente che è

un tubo che decorre all’interno del funicolo spermatico attraverso il canale

inguinale per poi terminare in prossimità della ghiandola prostatica. La parete

del condotto deferente è composto dalla mucosa all’interno, della muscolare al

centro e dell’avventizia all’esterno.

La tonaca muscolare contiene tre strati di muscolatura liscia (uno interno

longitudinale, uno intermedio circolare e uno esterno longitudinale), la

contrazione è necessaria per lo spostamento degli spermatozoi attraverso il

dotto.

Quando il dotto deferente entra in cavità pelvica del canale inguinale, si separa

dagli altri componenti del funicolo spermatico e si estende posteriormente

lungo la superficie postero laterale della vescica. Si sposta verso il basso e

termina in contiguità della zona dove la vescica la prostata sono a contatto.

Quando il dotto deferente si avvicina al margine postero superiore della

ghiandola prostatica si dilata formando la ampolla del dotto deferente che si

fonde con il dotto escretore della contigua vescichetta seminale per formare il

dotto eiaculatore che è la porzione terminale delle vie spermatiche.

Dotto eiaculatore

Ciascun dotto eiaculatore è lungo circa 2 cm, l'epitelio di rivestimento è di tipo

cilindrico pseudostratificato ciliato. Trasporta gli spermatozoi e una parte del

liquido seminale verso l'uretra. Entrambi i dotti sboccano nell'uretra prostatica.

Uretra

Trasporta all’esterno lo sperma proveniente da entrambi i dotti eiaculatori.

Ghiandole accessorie

I componenti dello sperma sono prodotti dalle ghiandole accessorie che

comprendono vescichette seminali, prostata e ghiandole bulbouretrali.

Vescichette seminali

La coppia è posizionata sulla superficie posteriore della vescica, lateralmente

alle ampolle dei dotti deferenti. È un organo cavo allungato, la parete ha pliche

mucose rivestite da epitelio cilindrico ciliato pseudostratificato. Secernono

liquido biancastro-giallo.

Prostata

Questa ghiandola è un organo dotato di capsula, forma di castagna con un

peso di circa 20 gr. Situata al di sotto della vescica e contiene ghiandole

sottomucose mucosecernenti e tubuloalveolari. L’insieme di queste ghiandole

contribuisce alla secrezione del liquido seminale.

Ghiandole bulbouretrali

Due, ubicate nello spessore del diaframma urogenitale.

Ciascuna ghiandola ha un corto dotto che si sviluppa verso il bulbo del pene e

sbocca nell’uretra spongiosa. La secrezione mucosa entra nel liquido seminale

agendo come tampone e provvedendo alla lubrificazione dell’uretra prima

dell’eiaculazione.

Sperma

Agli spermatozoi provenienti dal testicolo si aggiungono le secrezioni delle

ghiandole accessorie per formare lo sperma che quando emesso nel corso del

coito, il liquido seminale prende il nome di eiaculato

PENE

Insieme allo scroto formano i genitali del maschio.

La radice del pene è la porzione aderente alla superficie inferiore del tronco, e

a questo livello la prostata dilatata, formata da bulbo e gambe del pene.

Il bulbo del pene aderisce al diaframma urogenitale e le gambe ancorano il

pene alle branche ischiopubiche.

Il corpo del pene è la parte allungata e mobile. La punta del pene è chiamata

glande e presenta l’orifizio uretrale esterno.

La cute del pene è sottile ed elastica. All’estremità distale del pene la cute

aderisce al margine distale della base del glande e forma una piega circolare

detta prepuzio.

All’interno dell’asta del pene ci sono due corpi cavernosi appaiati in posizione

dorso-laterale e ventralmente ad essi lungo la linea mediana ce un corpo

spongioso.

I corpi erettili sono avvolti da tonaca albuginea che fornisce ancoraggio per la

cute dell’asta del pene. Il tessuto erettile è costituito da lacune venose

sviluppata attorno ad un’arteria.

Durante l’eccitazione sessuale, il sangue entra nei corpi erettili attraverso le

arterie centrali. L’accumulo di sangue nelle lacune causa irrigidimento dei corpi

erettili determinando erezione del pene.

L’innervazione parasimpatica è responsabile dell’aumentato flusso di sangue

ed erezione del pene.

L’eiaculazione è il processo di espulsione dello sperma dal pene con il

contributo di contrazioni ritmiche dalla muscolatura liscia della parete

dell’uretra. L’azione del sistema parasimpatico è necessaria per raggiungere

l’erezione mentre quella del simpatico stimola l’eiaculazione.

La riduzione dell’attività del sistema nervoso autonomo in seguito a cessazione

dell’eccitamento sessuale comporta diminuzione del flusso ematico ai corpi

erettili e deviazione del sangue in altre vene condizionando il ritorno del pene

allo stato di flaccidità.

APPARATO GENITALE FEMMINILE

Una sezione sagittale della pelvi femminile mostra le strutture genitali e i loro

rapporti con la vescica urinaria e il retto. il peritoneo ricopre gli organi genitali

riflettendosi su di essi e creando in avanti la fossa vescicolouterina e indietro la

fossa retrouterina.

Nella femmina le gonadi sono le ovaie e fanno parte degli organi genitali interni

insieme alle tube uterine, l'utero, la vagina. gli organi genitali esterni

comprendono il monte di venere, le grandi e le piccole labbra, gli organi erettili

(clitoride, bulbi del vestibolo), il vestibolo della vagina e le ghiandole

vestibolari, l'imene.

Ovaie

le ovaie sono organi pari, di forma ovale situati nella cavità pelvica di lato

all'utero. sono posizionata nella cavità pelvica Grazie a cordoni di tessuto

connettivo. ciascun ovaio è collegato alla faccia laterale dell'utero mediante il

legamento proprio dell'ovaio. fibre muscolari lisce poste sia nel mesovario, sia

nel legamento sospensore si contraggono al momento dell'ovulazione per

portare l'ovaio a breve distanza dal infundibolo della tuba uterina.

ciascun ovaio è vascolarizzato dall'arteria ovarica e dalla vena ovarica. le

arterie sono rami diretti dell'aorta addominale e sono al di sotto dei vasi renali.

le vene emergono dal ovaio e sboccano nella vena cava inferiore o nella vena

renale sinistra. insieme ad arterie e vene decorrono le fibre nervose del sistema

nervoso autonomo.


PAGINE

9

PESO

24.35 KB

PUBBLICATO

7 mesi fa


DETTAGLI
Esame: Anatomia
Corso di laurea: Corso di laurea in infermieristica (BUSTO ARSIZIO - CERNUSCO SUL NAVIGLIO - GARBAGNATE MILANESE - LEGNANO - MILANO - ROZZANO)
SSD:
Università: Milano - Unimi
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher federicablecich di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Anatomia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano - Unimi o del prof Biologia Prof.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Anatomia

Sistema urinario
Appunto
Il cuore - Sistema cardiocircolatorio
Appunto
Sistema respiratorio
Appunto
Sistema locomotore
Appunto