Che materia stai cercando?

Riparazione

Appunti di immunologia e patologia generale sulla riparazione basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Farabegoli dell’università degli Studi di Bologna - Unibo, facoltà di Scienze matematiche fisiche e naturali. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Immunologia e patologia generale docente Prof. A. Farabegoli

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Fattori di crescita, ma anche Citochine e ormoni. I Fattori di crescita sono molecole di

segnalazione intercellulari che dirigono la sequenza di eventi necessaria affinché la riparazione

avvenga. Gran parte di questi fattori viene prodotta dai Macrofagi che sono i principali responsabili

della “orchestrazione” delle fasi della riparazione, che vedono la rigenerazione di nuovi vasi e la

deposizione di matrice extracellulare come elementi indispensabili per la ricostruzione della zona

lesa. Se le cellule del tessuto possono proliferare e le membrane basali sono state conservate, la

proliferazione cellulare sarà possibile e permetterà di ricostituire il tessuto precedente. Se invece ci

troviamo in un tessuto che non può proliferare e/o l'entità del danno è tale da avere cancellato la

struttura originaria del tessuto, sarà necessario riempire questo “vuoto” con un tessuto aspecifico,

il tessuto connettivo fibroso, fino alla formazione della CICATRICE. L'altra componente

indispensabile per poter portare a termine questo processo è la MATRICE EXTRACELLULARE,

composta da fibre e sostanza amorfa, ed è prodotta soprattutto dai fibroblasti. Le fibre della

matrice possono essere collagene, reticolari (entrambe costituite da proteine chiamate collageni)

ed elastiche (formate da proteine quali elastina e fibrillina). La sostanza amorfa è una struttura

tridimensionale macromolecolare molto viscosa nella quale sono immerse le fibre e le cellule. Ha

una quantità variabile di acqua legata a componenti macromolecolari. È attraversata da liquido

tissutale o interstiziale costituito da acqua in cui sono presenti ioni, micromolecole, ormoni ed

enzimi. La sostanza amorfa diminuisce con l’età. Le funzioni della matrice extracellulare (ECM)

sono: Supporto meccanico alle cellule

o Controllo della proliferazione e del differenziamento (integrine)

o Organizzazione della struttura del tessuto (impalcatura)

o Formazione di microambienti tissutali

o Accumulo e presentazione di molecole regolatrici

o

Le cellule del connettivo

Le cellule che compongono il connettivo sono diverse e si distinguono in:

1. Cellule fisse: fibroblasti (o fibrociti quando sono quiescenti),

condroblasti, osteoblasti, odontoblasti e cementociti, adipociti.

2. Cellule mobili: cellule del sangue, eritrociti, leucociti (granulociti, linfociti e monociti),

macrofagi, plasmacellule, mastociti (melanociti e cromatofori).

GUARIGIONE PER RIPARAZIONE

Avviene quando la rigenerazione non è possibile (area necrotica più o meno estesa con

distruzione del connettivo o tessuto impossibilitato a riprodursi). Si procede alla sostituzione del

tessuto originario con deposizione di tessuto connettivo. Si ha la formazione della CICATRICE a

cui segue il RIMODELLAMENTO CONNETTIVALE.

FASI DELLA GUARIGIONE PER RIPARAZIONE

1. Infiammazione

2. Angiogenesi

3. Migrazione e proliferazione dei fibroblasti

4. Cicatrizzazione

5. Rimodellamento

Una delle prime “molle” che fanno scattare il meccanismo della RIPARAZIONE è il fatto che in

conseguenza della necrosi la vascolarizzazione è assente e la pressione parziale di ossigeno cala:

si crea cioè una situazione di IPOSSIA. L'ipossia innesca immediatamente meccanismi

compensatori nelle cellule vicine e in particolare porta alla produzione di fattori di trascrizione, tra

cui gli HIFs, Hypoxia Inducible Factors, capaci di attivare la trascrizione di numerosi geni bersaglio,

per Fattori di crescita, Fattori angiogenetici, molecole capaci di portare alla degradazione e al

rimodellamento della Matrice Extracellulare. L'attivazione di HIFs si verifica anche in condizioni di

INFIAMMAZIONE CRONICA, ed è legata alla presenza di citochine infiammatorie quali Tumoral

Growth Factor-a e b, Platelet Derived Growth Factor che vengono prodotte dai macrofagi, le cellule

più importanti nel processo di infiammazione cronica. Le cellule che circondano la zona lesa, in

presenza di ipossia, rilasciano un fattore detto Vascular Endotelial Growth Factor (VEGF) che

porta alla rottura delle giunzioni endoteliali e la produzione di Monossido d'azoto (NO) da parte di

macrofagi e cellule endoteliali, che aumenta la permeabilità vascolare e induce vasodilatazione. La

rottura delle giunzioni endoteliali apre la strada alla fase successiva, la neoformazione di vasi.

Angiogenesi: formazione di nuovi vasi nell'organismo

adulto per ramificazione ed estensione dai vasi

esistenti o per reclutamento delle cellule precursore

endoteliali dal midollo osseo. La vasculogenesi invece

avviene nell'embrione e genera ex-novo i vasi.

Partecipano al processo di angiogenesi anche

progenitori delle cellule endoteliali che sono presenti

nel midollo e che vengono reclutati in seguito alla

liberazione di citochine, fattori di crescita e ipossia.

Le fasi dell’angiogenesi:

1. Digestione della lamina basale ed invasione della matrice circostante

2. Migrazione nel tessuto connettivo

3. Proliferazione nella zona del tessuto dove si necessita la formazione di nuovi vasi

4. Differenziamento e formazione di nuovi vasi

In questa fase iniziale succedono 3 cose:

• Le cellule endoteliali proliferano

• Si ha degradazione della membrana basale e della matrice extracellulare e al tempo stesso

produzione di molecole che permettono l'attacco delle cellule endoteliali neoformate alla

matrice

• Si ha l'organizzazione dei vasi neoformati

L'innesco del processo angiogenetico è fortemente legato all'ipossia che attiva gli HIF, la cui attività

come fattori di trascrizione induce la sintesi di fattori angiogenetici: VEGF, angiopoietine, recettori

per l'attivatore del plasminogeno di tipo urochinasico (u-PAR) e l'inibitore dell'attivatore del

Plasminogeno 1 (PAI-1), che hanno funzioni complementari. Le cellule endoteliali vengono

stimolate a proliferare anche dal Fibroblast Growth Factor, FGF, capace di legare eparina e

componenti della matrice extra-cellulare. L'attivatore del plasminogeno di tipo urochinasico (u-

PAR) è una glicoproteina in cui si riconoscono 3 domini: il dominio 1 lega l'attivatore del

plasminogeno (PA) che trasforma il plasminogeno in plasmina e la rende capace di degradare la

matrice extracellulare. I domini 2 e 3 legano vitronectina e integrine e diventano capaci di favorire

l'invasività cellulare e l'adesività delle cellule necessaria per il movimento (adesione a vitronectina

e integrine). Perché questo accada è anche necessario che si rompano le giunzioni fra le cellule

endoteliali e ci siano vasodilatazione e aumento della permeabilità (mediane da VEGF). Vengono


PAGINE

6

PESO

1.95 MB

PUBBLICATO

9 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze biologiche
SSD:
Università: Bologna - Unibo
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher AndreaP2294 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Immunologia e patologia generale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Bologna - Unibo o del prof Farabegoli Alessandro.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Immunologia e patologia generale

Malattie genetiche e introduzione immunità
Appunto
Danno da agenti biologici
Appunto
Linfociti B
Appunto
Meccanismi immunità cellulo-mediata
Appunto