Che materia stai cercando?

Ipoacusia ipersensoriale

Appunti di otorinolaringoiatria: lezione frontale integrata con studio autonomo dal libro di testo di riferimento, dell’Harrison e con articoli di PUB MED.

Ottimo per: preparare l’esame; preparare il test di abilitazione; preparare il concorso nazionale di specializzazione.

Esame di Otorinolaringoiatria docente Prof. F. Salvinelli

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

- Aterosclerosi cerebrovascolare

- Diabete

- Dislipidemie

- Insufficienza epatica

- Insufficienza renale

- Forme idiopatiche

IPOACUSIA NEUROSENSORIALE DELL’ADULTO A RAPIDA INSORGENZA (alcune settimane, in genere

unilaterali):

- Sordità improvvisa: patologie dell’orecchio interno o del nervo acustico. Ha due picchi di incidenza

30-40, 55-60. L’eziologia non è nota nell’80% dei casi, nella maggior parte si ritiene sia secondaria

all’acutizzazione di un’infezione erpetica (Herpes simplex), in alternativa un’ischemia dell’arteria

uditiva interna

Sintomatologia: ipoacusia, ovattamento unilaterale, in pieno benessere o in seguito a traumi

(barotrauma), sforzi. Possono associarsi acufeni e più raramente veritgine (nevrite cocleo-

vestibolare o dell’8). Vi è sempre fastidioso difetto di localizzazione della sorgente sonora,

associato a instabilità.

Diagnosi: otoscopia sempre normale (DD forma secondaria a patologie dell’orecchio esterno –

cerume- o medio –otite siero-mucosa-

Esame audiometrico: deficit neurosensoriale con curva caratterizzata da

- Deficit uditivo alle basse frequenze, con curva audiometrica in salita (danno su base

idropica, malattia di Meniere - ertigini violente accompagnate da perdita di udito e acufeni-

). Terapia con glicerolo 10% o mannitolo 18% endovena

- Deficit uditivo limitato alle alte frequenze, con curva in discesa (il deficit in questo caso è

più accentuato).

- Anacusia unilaterale

- Deficit uditivo pantonale

Bisogna sempre fare DD con neurinoma, può essere utile ABR, se possibile, e RM.

Terapia:

- Corticosteroidi

- Antivirali (Aciclovir) se sospetta infezione virale

- Diuretici osmotici: glicerolo o mannitolo endovena se forma da idrope endolinfatico (curva

in salita)

- Vasodilatatori eo antiaggreganti

- Ossigenoterapia iperbarica (complicanze che ne limitano l’applicazione: pneumotorace,

cardiovascolari, otite media)

- Carbogeno: 90% O2, 10% CO2. Vasodilatatore

- Terapia chirurgica per sospetta fistola perilinfatica da esiti di barotrauma

Prognosi: è possibile una regressione anche totale, sopratutto se la terapia è iniziata entro una

settimana

- Sordità (ipoacusia) fluttuante: deficit neurosensoriale unilaterale che tende a variare nel tempo.

Relativamente poco frequente, è nella maggior parte dei casi dovuta a sofferenza cocleare su base

idropica (Meniere) o idiopatica.

Sintomi: acufeni e vertigini.

esame audiometrico in fase acuta mostra deficit neurosensoriale a basse e medie frequenze di lieve

media entità.

prognosi: nella metà dei casi tende a progredire con deficit uditivo che si stabilizza a livello di media

gravità anche a frequenze acute.

- Sordità su base autoimmunitaria: forme relativamente rare di grave ipoacusia bilaterale in giorni o

settimane. La forma più nota è la sindrome di Cogan in cui si associa a cheratite interstiziale.

Sintomi: dapprima ipoacusia unilaterale che evolve rapidamente in grave ipoacusia bilaterale.

Frequentemente si associa a deficit dei recettori vestibolari con instabilità e oscillopsie.

Diagnsoi: test ematologici (VES ecc) spesso negativi, RM per DD

Terapia: il più presto possibile corticosteroidi ad alti dosaggi o immunosoppressori. Se il deficit è

stabilizzato: protesizzazione acustica. Se bilaterale impianto cocleare.

- Sordità (ipoacusia) traumatica: quasi sempre unilaterale. Può essere conseguente a frattura

irradiata alla rocca petrosa (linee longitudinali o trasversali –vertigine- rispetto alla rocca petrosa) o

traumi senza frattura (contusione, commozione labirintica) o traumi extracranici (colpo di frusta) –

in questo caso sono in genere bilaterali-. Anche in seguito a barotrauma

Il trauma causa emorragia endolabirintica seguita da progressiva cicatrizzazione. Nel barotrauma si

può rilevare soluzione di continuo a livello della finestra ovale o rotonda (fistola perilinfatica).

Diagnosi: audiometria con deficit neurosensoriale, curva in discesa e di grave entità nelle fratture

della rocca.

TC per ricercare le linee di frattura

Prognosi: scarsa regressione.

- Trauma acustico acuto: esposizione di breve durata a un rumore di elevata intensità (100-110 db –

esplosioni, colpi d’arma da fuoco - . Deficit uditivo transitorio o permanente.

Diagnosi: audioimetria tonale liminare con deficit neurosensoriale per 3-6kHz e risalita a 6-8kHz

Terapia: riposo acustico, vasoattivi per migliorare il trofismo della coclea. Il deficit tende a

diminuire spontenamente nelle ore successive. La valutazione finale va fatta non meno di una

settimana dall’evento

- Ototossicosi: deficit uditivo conseguente a somministrazione di sostanze, per lo più farmaci.

Esistono 600 molecole riconosciute. I più conosciuti sono gli antibiotici aminoglicosidici per

inibizione della sintesi proteica e aumento della permeabilità per gli ioni magnesio sulle cellule

dell’organo di Corti.

Farmaci riconosciuti: furosemide, acido etacrinico, acido acetilsalicilico, aminoglicosidi (tutti),

amfotericina B, clorochina, carboplatino, cisplatino

Sintomatologia: ipoacusia bilaterale associata ad acufeni. La tossicità può manifestarsi anche

sull’organo vestibolare (instabilità). Evolve in alcune settimane e gli esiti sono vari.

Audiometria: deficit neurosensoriale accentuato per frequenze acute, in genere con recruitment.

Terapia: monitorare attentamente i pz sottoposti a questi farmaci. Le forme da diuretici e acido

acetilsalicilico tendono a migliorare

Sordità centrale: sordità della via centrale, auditory processing disorders (APD). Coinvolge la capacità di

determinare la direzione dei suoni, la discriminazione vocale, il riconoscimento di sequenze di stimoli,

prestazione uditiva in condizione difficoltosa, riconoscere pattern. “sento ma non capisco”.

Diagnosi: audiometria vocale convenzionale e sensibilizzata.

sindrome di King Kopetsky: non riconoscono il linguaggio se in presenza di rumore di fondo senza

alterazione funzionale strumentalmente rilevabile.

Terapia: riabilitazione logopedica.


PAGINE

6

PESO

64.23 KB

PUBBLICATO

4 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in medicina e chirurgia
SSD:
A.A.: 2016-2017

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Gabriel_strife di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Otorinolaringoiatria e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Campus biomedico - Unicampus o del prof Salvinelli Fabrizio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Otorinolaringoiatria

Anatomia e fisiologia del sistema vestibolare
Appunto
Anatomia di ipofaringe e laringe
Appunto
Anatomia e fisiologia dell'orecchio
Appunto
Semeiotica clinica e strumentale dell'udito
Appunto