Che materia stai cercando?

Interpretazione schematica dell'Otello

L'appunto contiene una rappresentazione schematica dell'Otello che segue i temi principali dell'opera e l'interpretazione che è stata fornita dalla professoressa a lezione. Oltre a ciò, lo schema è suddiviso in tesi, argomenti e premesse (struttura argomentativa).

Esame di Letteratura Inglese docente Prof. C. Dell'Aversano

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

volgari pregiudizi xenofobi, impedirà al lettore di liquidare gli errori di Otello, in futuro, allo stesso

modo.

Non vi sono qualità in grado di salvare un individuo. Tutti i personaggi concorrono a

• dimostrarlo, in particolare se consideriamo la morte di Desdemona. Essa infatti è operata

direttamente da Otello ma l’iter che porta al momento dell’uccisione vede coinvolti tutti i

personaggi (Desdemona che decide di troncare i rapporti con il padre, Emilia ruba il fazzoletto,

Iago crea un progetto delittuoso, Cassio si presta bevendo al gioco di Iago).

Esperienza autoassolutoria: il lettore è portato a pensare che lui sarebbe scampato nella

• situazione del dramma poiché i personaggi rappresentati hanno dei difetti ben più gravi dei

propri.

L’esperienza della follia:

• a) è folle l’emergere rabbioso della xenofobia di Brabanzio;

b) è folle la contraddizione eroica tra la fedeltà eroica e suicida di Emilia e l’inganno che perpetra

nei confronti di Desdemona mentre lei è ancora viva;

c) è folle il credito che Otello dà a Iago;

d) è folle l’atteggiamento di Iago e il suo odio omicida.

Il male è affascinante e seduttivo (al lettore il personaggio di Iago piace)

• reazione giusta da adottare di fronte all’incertezza:

Il testo offre un modello di

• a) esiste un algoritmo razionale e affidabile per accertarsi della verosimiglianza di un

informazione prescindendo dall’affidabilità dell’emittente dell’informazione;

b) vi sono cose su cui non si può avere il controllo, seppur molto importanti;

c) la malvagità diabolica è inspiegabile e perciò bisogna fuggire da essa;

d) osservare nel male nelle cose è buono per scampare ma non bisogna rimanerne sedotti.

perdizione di un’anima

Il lettore assiste alla (=quella di Otello, che abdica al proprio senso della

• realtà).

Otello

Premessa: Atto III, scena III, Otello pone l’amore verso Desdemona come qualcosa che si trova in

opposizione alla dannazione.

Tesi: Per Otello, Desdemona è il fondamento ontologico.

Argomento: E’ lei a salvarlo dal caos (e da un caos già sperimentato) e a renderlo, quindi, un

uomo dotato di umanità.

Questo caos è:

etico:

1) Il caos inteso da Otello è quello in cui si trovava prima di diventare membro della civiltà

occidentale veneziana cristiana ed è ciò che lo portava ad essere vile, ripugnante, incivile,

privo di qualsiasi orientamento morale;

cose di cui non riesce a tollerare il ricordo.

2) lo porta a fare delle Nel momento in cui Otello

uccide Desdemona, la sua prima reazione è di scagionarsi, di negare la realtà che sta

sperimentando;

ne deforma la natura.

3) Otello è un guerriero = ha fatto del non esitare e dell’agire il

fondamento della propria eccellenza. Nonostante ciò, nel momento in cui lui dovrebbe

uccidere Desdemona, egli indugia (inizia a parlare dell’ineluttabilità della morte, cerca di

ritualizzarla).

Rapporti umani nella tragedia

Tesi: All’interno della tragedia i rapporti sono triangolari (non in senso girardiano)

Argomento: ogni personaggio si confronta con l’idea che ha dell’altro personaggio e,

successivamente, con la realtà dei fatti

Prova:

1) Brabanzio/Desdemona = Brabanzio non riconosce il comportamento di sua figlia durante il

primo atto, tant’è che accusa Otello di stregoneria;

2) Emilia/Iago = Emilia conosce suo marito da anni ma non ne ha mai capito la natura diabolica;

3) Otello/Desdemona = nonostante Otello abbia visto la fedeltà e l’incredibile amore di

Desdemona, lui crede che lei davvero potrebbe tradirlo;

4) Brabanzio/Otello = Brabanzio non riesce a percepire l’umanità di Otello.

Filosofia del linguaggio

Premessa:: La filosofia del linguaggio presentata da Otello alla fine del dramma afferma la sua

esigenza di vedere le cose corrispondere alle parole.

Tesi: La filosofia del linguaggio del dramma, presentata da Otello, è problematica.

Argomenti: Otello stesso non riesce a rispettare questo modello

Prove:

1) Otello mente cercando di terrorizzare Desdemona con lo stesso ambito del meraviglioso

tramite il quale l’aveva conquistata. In particolare afferma che il fazzoletto donatale era il

regalo di una zingara;

2) Alla fine del dramma, quando Otello sta per suicidarsi e pronuncia la sua ultima

“testimonianza” chiede esplicitamente che la storia venga raccontata così com’è, in tutta la

verità. Subito dopo egli afferma una sua versione dei fatti metaforica in cui il suo suicidio a

Cipro diventa un omicidio avvenuto ad Aleppo. In particolare, egli è come se si sdoppiasse in

una parte buona (bianca, occidentale, cristiana e veneziana) che uccide una parte cattiva

(turca).

Conclusioni: Otello non riesce a smettere di fare letteratura.

Ipotesto

Premessa: Teoria della transtestualità. E’ l’insieme di rapporti che legano un testo ad un altro. La

relazione tra ipotesto e ipertesto lega l’ipertesto al suo modello (= senza l’ipotesto, l’ipertesto non

potrebbe esistere).

Tesi: Shakespeare utilizza come modello (ipotesto) per il suo dramma (=Otello) la novella di Giraldi

Cinzio e la modifica.

In particolare: genere

A. Modifica il dell’opera: si passa da una novella a un dramma;

spazio temporale:

B. Comprime lo nella novella Otello e Desdemona sono sposati da molto

quando arriva la richiesta di trasferimento a Cipro (che è una promozione) ed è perciò più

inverosimile che Otello creda a Iago dopo averla conosciuta così a lungo;

spazio geografico:

C. Comprime lo nella fine della novella i personaggi tornano a Venezia e

quindi la vicenda si svolge tra: Venezia-Cipro-Venezia;

Sdoppia Iago in Iago e Roderigo:

D. nella novella Iago agisce perché innamorato di

Desdemona. Questa caratteristica è assente in S. perché egli ha sdoppiato il personaggio

creando Roderigo e ha lasciato quindi senza motivazione Iago;

Elimina la motivazione di Iago.

E. E’ proprio questa, paradossalmente, la caratteristica che fa

dell’Otello Shakesperiano un dramma così affascinante e magnetico;

solidissima

F. Costruisce un’impalcatura e implacabile per tutti gli snodi della vicenda a

differenza della novella in cui gli eventi erano assolutamente casuali;

personaggi cattivi diventano sventurati

G. I (vedi: Otello/Emilia)

Otello.

H. Cambia la sorte e la caratterizzazione di In particolare egli ci dà l’idea di una follia

inverosimile da parte di Otello ma gli dà anche la possibilità di redimersi con l’atto estremo del

suicidio.

Commedia degli equivoci

Tesi: Vi è una differenza sostanziale con la commedia degli equivoci

Argomenti:

1) Il servo Iago non ha come obiettivo quello di facilitare il conseguimento degli obiettivi del

padrone. Egli non li considera determinanti;

2) Le qualità del servo non sono di proprietà del padrone (=Iago afferma la sua indipendenza e

autonomia);

3) Alla fine dell’Otello ci sono omicidi e non matrimoni (=è una tragedia e non una commedia).

Spleen ( Atto IV scena I)

Premesse: distemper

1) Nella cultura rinascimentale la medicina si basava sull’equilibrio dei 4 umori. Il (=la

perdita dell’equilibrio) portava a conseguenze diverse a seconda degli organi colpiti. Ci


PAGINE

6

PESO

53.30 KB

PUBBLICATO

7 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere
SSD:
Università: Pisa - Unipi
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher rebecca.molea di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Letteratura Inglese e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Pisa - Unipi o del prof Dell'Aversano Carmen.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Letteratura inglese

Riassunto esame Letteratura Inglese, prof. Dell'Aversano, libro consigliato Otello, l'Eros Negato, Serpieri
Appunto
Schematizzazione teorie Girard e interpretazioni Sonetti di Shakespeare
Appunto
Riassunto esame Linguistica generale, Romagno, libro consigliato La categorizzazione linguistica, Taylor
Appunto
Fondamenti della filologia classica.
Dispensa