Che materia stai cercando?

Hardware - Parte 3

Appunti di Informatica Generale del prof. Costa sull'hardware, parte terza: dispositivi di input e di output, la tastiera, il mouse, dispositivi di puntamento, lo scanner, la risoluzione, il microfono, il monitor, la stampante, il plotter, output sonoro.

Esame di Informatica Generale docente Prof. L. Costa

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Input – Altri dispositivi di

puntamento

• Il touchpad è un dispositivo di puntamento alternativo al

mouse, costituito da una piastrina rettangolare, sensibile al

tatto, sulla quale si fa scorrere un dito. I vantaggi di questa

soluzione sono costituiti dal ridotto ingombro e dalla possibilità

di lavorare anche senza un piano d'appoggio. Di conseguenza il

touchpad ha trovato largo impiego sui notebook. 7

Informatica Generale Maria De Marsico

Input – Altri dispositivi di

puntamento

• Il joystick è uno strumento di controllo molto utilizzato nei

videogiochi, composto da una manopola che può essere

inclinabile nelle quattro direzioni principali: avanti, indietro,

destra e sinistra

• Il suo principio di funzionamento è perciò simile a quello

della cloche di un aereo. Poiché il computer è in grado di

rilevare la direzione in cui esso viene rivolto, questo

dispositivo può essere utilizzato per controllare il movimento

di oggetti visualizzati sullo schermo. 8

Informatica Generale Maria De Marsico

Lo scanner

• Lo scanner è un dispositivo che consente al computer di acquisire

immagini, fotografie e pagine di testo. Esistono diversi tipi di scanner

• Gli scanner manuali sono i più economici e consentono acquisizioni a

basse risoluzioni. Devono scorrere manualmente sull'area da importare

e non consentono la scansione di un foglio A4 in un'unica passata (non

sono molto pratici e ormai quasi dei tutto fuori commercio)

• Gli scanner piani, il cui principio di funzionamento è molto simile a

quello di una fotocopiatrice, sono i più diffusi, in quanto comportano il

miglior rapporto prezzo/prestazioni. Ci sono anche per diapositive

• Gli scanner detti "a tamburo“ offrono una risoluzione ottica variabile

tra 10.000 e 20.000 dpi con ingrandimenti massimi raggiungibili di 30

volte;destinati a un impiego professionale visti i costi 9

Informatica Generale Maria De Marsico 3

A proposito dello scanner

• Per ottenere buoni risultati, gli scanner devono essere dotati di

un buon corredo software, comprendente programmi per la

manipolazione delle immagini oppure per il riconoscimento

ottico dei caratteri tipografici (OCR, Optical Character

Recognítion), di modo che questi possano essere trasmessi al

computer non sotto forma di immagine, ma come se fossero

stati digitati direttamente sulla tastiera.

• I software OCR non sono tuttavia infallibili, anzi capita

sovente che il computer confonda caratteri simili, come la “l"

con “1" o con“I" ; è quindi sempre necessario un controllo a

posteriori confrontando il risultato della procedura OCR con la

bozza su carta. 10

Informatica Generale Maria De Marsico

A proposito dello scanner

• Negli scanner, durante l’acquisizione, l'immagine viene

digitalizzata, cioè come abbiamo visto viene suddivisa in una

sorta di griglia.

• Ricordiamo che ogni cella è chiamata pixel e ad esso è

associato un numero che misura la profondità del colore. La

qualità di uno scanner, la sua risoluzione, è misurata in dpi

(dot per inch)

• Tanto più fitta è la griglia e tanto maggiori sono le

informazioni, tanto più grande sarà il file risultato dalla

digitalizzazione. 11

Informatica Generale Maria De Marsico

Risoluzione 12

Informatica Generale Maria De Marsico 4

Il microfono

• Il microfono sta per diventare una periferica di input molto

importante grazie alla comparsa dei programmi di dettatura al

computer.

• Inoltre è già utilizzato insieme ad applicazioni quali il

registratore di suoni per creare file sonori in modo da

personalizzare alcune applicazioni 13

Informatica Generale Maria De Marsico

Il monitor

• Il monitor è tra i più comuni dispositivi di output, che consentono di

visualizzare i risultati delle elaborazioni effettuate dal computer.

• Lo schermo CRT (Cathode Ray Tube) è dotato di un tubo a raggi

catodici, tecnologicamente simile a quello di un televisore, dove

materiale fluoroscente viene colpito da un fascio di elettroni.

• Lo schermo LCD (Liquid Crystal Display) , invece, è uno schermo a

cristalli liquidi, più leggero e meno ingombrante del primo, utilizzato

anche per i computer portatili

• a matrice passiva (detti anche FSTN - Film SuperTwist Nematic)

: limitate prestazioni quanto a luminoità e contrasto e consente

solo visione frontale.

• a matrice attiva (TFT - Thin Film Transistor): migliori prestazioni

emigliore visione angolata.

• La dimensione dei monitor è misurata in pollici (1 pollice = 2,54 cm)

: 14, 15, 17, 21” (pollici)

e calcolata sulla sua diagonale. Tipico 14

Informatica Generale Maria De Marsico

A proposito del monitor

Valutare

• Numero di Colori

• Monocromatici

• Bianco/Nero

• Milioni di colori

• Dimensioni (in pollici)

• Risoluzione (pixel):

• 640x480, 800x600, 1024x768, 1280x1024

• Frequenza (per CRT)

• frequenza: ridisegno dell’immagine: alta frequenza (>=70

Hertz)= immagine stabile; bassa frequenza= tremolio

• Costo !!!

• Solo in fase di acquisto (non ci sono costi di gestione) 15

Informatica Generale Maria De Marsico 5

La stampante

• Per ottenere su carta ciò che è stato preparato a video occorre

utilizzare … le stampanti.

• Spesso esse vengono condivise da un'ampia utenza, tramite le

reti locali.

• Esistono diversi modelli di stampante, che si differenziano tra

quelle in grado di fornire stampe in bianco e nero e quelle che

supportano il colore.

• Le tecnologie più utilizzate sono :

•Termica •Laser

•Ad aghi •A sublimazione di colore

•A getto di inchiostro 16

Informatica Generale Maria De Marsico

La stampante

La differenza tra le varie tipologie dipende

• dal tipo di tecnologia adottata,

• dal numero di colori,

• dalla velocità di stampa e

• dai supporti utilizzati (tipo di carta e di “colore”).

• La scelta varia da quelle a getto d'inchiostro, di uso amatoriale,

che si trovano in commercio a un prezzo economico pur

soddisfacendo le più comuni esigenze di stampa, alle più

sofisticate laser, di uso professionale, più evolute e costose.

17

Informatica Generale Maria De Marsico

A proposito della stampante

Quando si acquista una stampante, oltre alla spesa iniziale,

occorre tener conto dei costi di esercizio, su cui incidono:

• il costo delle singole cartucce, dei nastri di inchiostro, dei toner

ecc.

• il tipo di carta suggerita.

• il costo di stampa per una singola copia. 18

Informatica Generale Maria De Marsico 6


PAGINE

11

PESO

897.05 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze e tecnologie della comunicazione (POMEZIA, ROMA)
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher valeria0186 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Informatica Generale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università La Sapienza - Uniroma1 o del prof Costa Luciano.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Informatica generale

Algoritmi - Parte 1
Appunto
Algoritmi - Parte 2
Appunto
Sicurezza e Copyright
Appunto
Informatica - Domande
Appunto