Che materia stai cercando?

Appunti Sebastiao Selgado

Appunti di fotografia basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Tomagra dell’università degli Studi Accademia di Belle Arti di Frosinone - ABA, Accademia di belle arti, Corso di laurea in Graphic Design. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Fotografia docente Prof. A. Tomagra

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Grazie alla sua formazione eterogenea lui riusciva subito a capire la situazione della zona che voleva

fotografare e a raccontare la loro storia attraverso la fotografia.

Dal 75 al 79 lavorò con Gamma, un’agenzia che aveva alcuni aggancia nella stampa e che quindi era sempre

in attività e non si lasciava perdere un colpo. La sera data i rullini a dei passeggeri volontari che tornavano a

Parigi e poi contattata l’agenzia per descrivere i turisti e spiegare le foto. Non ha mai perso un rullino. A

volte di spostava direttamente dallo Stato dove si trovava, senza passare da Parigi.

Salgao crede nelle sue immagini, sono espressione dei suoi pensieri, della sua vita, se si trovava in un posto

era perché aveva una sua ideologia, era curioso. Le sue foto sono soggettive.

Per lui fotografare non è solo pubblicare foto nel giornale, anche perché lavori con quel giornale per pochi

giorni, ma è vivere. Second lui i primi cugini della fotografia sono gli architetti, perché anche loro operano

con luci, forme e armonie. La fotografia è diversa dal cinema perché è sprazzo di vita, un attimo di vita, non

un’immagine continua.

Chi segue un fotografo potrebbe annoiarsi perché stanno fermi per molto tempo ad aspettare lo scatto

perfetto. In più, prima della fotografia digitale, dovevi aspettare che le foto venissero sviluppate per capire

se avevi o meno catturato il momento e rappresentato quello che volevi.

Ha fatto poi dei viaggi nel sud America, in quei paesi che però all’agenzia Gamma non interessavano. Per

fotografare i nativi, diffidenti nei confronti degli occidentali che li avevano massacrati, doveva riuscire ad

inserirsi, diventare amico, essere accettato. Insieme hanno condiviso molto.

Anche se prima non interessavano a nessuno le sue foto, vince il Prix de la Ville de Paris e fu pubblicato il

suo primo libro.

Ha lavorato per medici senza frontiere in Mali, Etiopia, Ciad e Sudan e questo lavoro gli ha fatto vincere il

Word Press Photo e Oskar Barnack.

Lui non ha maia chiesto alla gente di mettersi in posa, li riprendeva nei loro gesti quotidiani dopo essere

riuscito ad acquistare la loro fiducia. Lui vuole denunciare il modo in cui le terre del nord siano così più

ricche in confronto a quelle del sud, vuole contribuire nella sensibilizzazione nei confronti delle

diseguaglianze, azione impossibile solo attraverso la fotografia, infatti aderiscono tanti media. La sua

fotografia è una denuncia. La fotografia è una potente forma di scrittura che non bisogna di traduzione

quindi più immediata.

Successivamente è entrato nell’agenzia Magnum, dopo nacque il suo secondo figlio affetto da sindrome di

Down, che quindi li ha proiettati in questo nuovo mondo di cui non sapevano nulla, ma che comunque ha

modificato il modo di vedere il mondo.

Salgado fotografa in bianco e nero, le ultime foto a colori risalgono a Life nel 1987. Alla Magnum ha

incontrato grandi fotografi, molti diventati amici e con alti ha avuto forti scontri. Quando ha assistito e

fotografato i sei colpi di pistola sparati al presidente Reagan mentre usciva dall’hotel ha ottenuto molti

soldi dalla vendita delle foto.

Nel 1994 ha creato con sua moglie la loro prima agenzia a Parigi chiamata Amazonas Images anche se

decisero di assumere pochissimo personale.

Nel lavoro “La mano dell’uomo” ha deciso di fotografare quelle aree non ancora colpite dalle innovazioni

robotiche ecc nell’industria, per fotografare il mondo prima che cambiasse completamente.Pochissimi

reportage sono stati fatti in Europa perché le industrie era delocalizzate nei paesi dell’est e del sud. Lo stupì

la creazione delle navi, del ferro che galleggiasse, come venivano costruite e poi il cui ferro, una volta

smontate perché ormai vecchie, venisse spedito in Asia e lavorato per creare dell’altro. Di come ci fossero

due facce della medaglia, quella bella del carbone che si trasforma nella lavorazione e quella brutta della

gente che muore per i gas nocivi. Ha visitato varie fabbriche e visto come l’uomo lavora in maniera

differente a seconda del prodotto, quindi non è l’uomo che fabbrica il prodotto ma il prodotto che fabbrica

lui. Ha visto che ci sono lavori davvero difficili che vengono ben pagati e altri che invece vengono

sottopagati. Ha visto il mondo dell’industria da tutte le angolazioni.

Altro reportage è stato quello nella miniera di oro di Serra Pelada, in uno stato al nord del Brasile, dove

lavoravano migliaia di persone volontarie che andavano da laureati a completi analfabeti. L’ fece molte

foto. Quando però ci tornò successivamente delle grandi macchina russe avevano preso il posto degli

uomini nel lavoro e quelli avevano cominciato a vivere nella povertà non essendo specializzati.

“In cammino” lui raccolta i cambiamenti che ha portato sostituire la manodopera dell’uomo con le

macchine, la modifica della famiglia umana, le grandi masse che sono costretta a spostarsi per ragioni

economiche, politiche o religiose. Il viaggio che l’uomo intraprende.

La costruzione di fabbriche ha portato la gente a vivere nelle città, grandi masse si spostano verso le città,

ma questo non significa che vivono bene, anzi, molti sono poveri, le città sono al collasso. Che siano in

America, Africa o Asia, i poveri sono tutti uguali, vivono nelle baracche, bidonville (città fatte di lamiere) i

bambini giocano tra i rifiuti, i giovani sniffano.

Salgado e sua moglie, allo scadere del loro passaporto brasiliano, non hanno potuto rinnovarlo e quindi,

prima di acquisire la cittadinanza, sono stati per un periodo rifugiati invece i figli sono proprio francesi.

La realizzazione di “In cammino” è durata sei anni, lui ha viaggiato ovunque vedendo questi migranti che, in

situazioni disperate, cercavano di scappare dalla loro realtà verso paesi più ricchi in cerca di un futuro

migliore. Oppure quelle persone fuggite da calamità naturali. Fa una differenza tra profughi e migranti, i

profughi fuggono dalla guerra, non in cerca di una vita migliore, ma solo per salvarsi.

In Mozambico per anni si era tenuta una guerra fratricida a causa di due diversi schieramenti politici,

quando finì Salgado decise di andare per vedere la gente ricongiungersi e sentire l’atmosfera di gente che

prima si odiava diventare solidale. Vide anche scene tremende lungo quelle file di persone che

percorrevano chilometri e chilometri, stanchissimi, come quando, ignari del pericolo, molti si tuffarono in

un fiume per bere e finirono per essere mangiati dai coccodrilli. Quando diversi anni dopo stava per tornare

di nuovo in Mozambico, sua moglie gli chiamò dicendo invece di andare in Ruanda perché molta gente

stava fuggendo verso la Tanzania. Così arrivò in Kenya e si diresse alla sede del’UNHCR dove gli dissero che

non poteva andare in Ruanda perché stava scoppiando la guerra e le persone stavano quindi fuggendo in

Tanzania. In Ruanda c’era stato tante volte dopo aver contribuito a creare delle grandi piantagioni di the

quando era ad economia, anche per esempio per “La mano dell’uomo” , e questa volta vide cose terribili,

morti su morti, cadaveri nel fiume, corpi mutilati, montagne di cadaveri, un orrore. Le cause della guerra

erano etniche, ma in realtà erano dovute alla povertà e allo sfruttamento. Dopo nove mesi fu costretto a

tornare in Francia perché incapace di continuare, anche se poi vi tornò scoprendo che un suo vecchio amico

era stato assassinato assieme alla sua famiglia.

Anche quando tornò nelle piantagioni, non trovò altro che fuoco e morti, sicuramente di gente che aveva

conosciuto. Fu un duro colpo, anche perché lì, vicino al lago Kivu, aveva passato molte esperienze e recato

per molti lavori. Tutta la violenza che ha visto nella creazione di “In cammino” l’ha scosso, ma non importa

perché è felice di aver fatto queste esperienze e di aver fotografato certe atrocità, affinché il mondo sappia

che il consumismo sta distruggendo il mondo e delle crudeltà di cui molte persone.

Nel 2000 aveva pubblicato sia In cammino che Ritratti di bambini in cammino, perché la gioia dei bambini,

la loro voglia di giocare anche se amputati, sporchi, distrutti è sempre tanta. Il loro sguardo dice più di mille

parole.


PAGINE

5

PESO

154.66 KB

PUBBLICATO

6 mesi fa


DETTAGLI
Esame: Fotografia
Corso di laurea: Corso di laurea in Graphic Design
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher valeriassume di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Fotografia e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Accademia di Belle Arti di Frosinone - ABA o del prof Tomagra Armando Romeo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in graphic design

Analisi cinematografica
Tesi
Arte moderna
Appunto