Nuove modalità di accesso a Medicina? Il Ministero è al lavoro

foto di test ingresso intervista Mancini

Il ministro dell'istruzione Stefania Giannini non ha mai cambiato opinione in merito alla possibile sostituzione del test di ingresso attuale con un modello di accesso simile a quello francese”. Lo ha detto il professor Marco Mancini, Capo dipartimento per la Formazione Superiore e la Ricerca, Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca. E quindi, così come aveva detto lo stesso ministro dell’istruzione Stefania Giannini a inizio mandato, il Miur è al lavoro per studiare soluzioni innovative per il futuro.

"STIAMO LAVORANDO DA TEMPO SU QUESTO FRONTE" - Mancini ha poi aggiunto: “Ne abbiamo parlato a lungo con le organizzazioni universitarie, con le associazioni e anche con gli studenti. Cambiare modello di accesso è una innovazione che deve comunque essere generata da un consenso ampio. Stiamo lavorando, ma intanto abbiamo iniziato con un’attività di orientamento che ha prodotto degli effetti molto interessanti. Il numero degli studenti che si sono presentati ai test a numero chiuso quest’anno è stato inferiore agli anni precedenti. Ricordo però che per intervenire su questo argomento ci vorrebbe una modifica di legge e che il Ministero intende in ogni caso preservare il numero programmato

COSA CAMBIEREBBE - Ma come cambierebbero i test di ingresso con il sistema francese? L’accesso alla facoltà di Medicina diventerebbe libero senza dover sostenere nessun test d’ingresso. A fine anno però gli studenti dovrebbero passare un super esame di sbarramento. Con questo sistema, i test per l’accesso alle facoltà di Medicina tanto discussi in Italia sarebbero alleggeriti.

Sarai presto una matricola? Scopri come sopravvivere al primo anno di uni!

LA PROVA - Non sarà certo una passeggiata il super esame di fine anno. Il test, che si può tentare solo due volte, verterebbe su temi di medicina studiati nel corso dell’anno. In caso non andasse a buon fine gli studenti sarebbero costretti a pensare al camice e al bisturi come un sogno. L’unica salvezza sarebbe la possibilità di richiedere una deroga speciale.

Serena Santoli

Commenti
Skuola | TV
Adolescenti e relazioni malate

Quando un rapporto è malato? Quali sono i segnali che devono farti allarmare? Di questo e molto altro parlereno nella prossima puntata con il supporto di un sessuologo.

18 ottobre 2017 ore 16:30

Segui la diretta