La maggior parte dei ragazzi ritiene che il cellulare sia uno strumento tecnologico ormai indispensabile.
Questo piccolo oggetto tascabile è subentrato nella vita quotidiana di tutti, non solo dei giovani.
Esso prevalso sulle vecchie cabine telefoniche, che stanno pian piano scomparendo dalla circolazione e che avevano da sempre rappresentato il simbolo dell’unità nazionale.
Insieme con queste, a breve spariranno anche gli orologi da polso e le fotocamere; infatti, il cellulare, oltre a segnare l'ora, fa da cronometro, da sveglia, funge da videogioco, da rubrica, da calcolatrice, da foto e da video-camera, da quotidiano, da computer. È multimediale.
Ormai portare con sé il telefonino è come portarsi dietro un pezzetto di casa: ci si sente più sicuri, più protetti da un modo che ci appare spesso ostile. Grazie a questo è possibile comunicare in qualsiasi luogo ci si trovi, attraverso chiamate, sms o internet.
Non solo, il cellulare può essere utile nelle situazioni di emergenza, ma anche in circostanze più banali, quotidiane; esso ci permette di sentire più vicine le persone cui siamo più emotivamente legati.

Tutta questa moltitudine di funzionalità catapulta su questo oggetto l'attenzione e l'interesse della stragrande maggioranza dei cittadini del terzo millennio. C'è chi possiede addirittura due o tre telefoni, e pare che non riesca a sopravvivere senza.
Il telefonino è spesso definito come un importante strumento per la socializzazione, perché permette anche ai più timidi di comunicare, avvicina ragazze e ragazzi, spezza le barriere tra coetanei anche con il semplice invio di un sms.
Attenzione però: personalmente, credo che sia sbagliato legarci troppo a questo mezzo e utilizzarlo molte ore durante la giornata. L’eccessivo utilizzo del telefonino può, infatti, provocare gravi danni alla salute come il danneggiamento della vista a causa delle dannose radiazioni che emette, e può inoltre portare all’isolamento, al blocco di comunicazione quando ci si trova di fronte agli altri.
Alla fine di queste argomentazioni, si può affermare che il cellulare è quasi completamente indispensabile, ma dovrebbe essere usato in modo costruttivo e funzionale ai bisogni del soggetto, non dovrebbe sovrastare quest'ultimo.
In quanto a me, non mi dispererei per niente se dovessi privarmene per un po’, seppure io lo apprezzi per le agevolazioni che mi può dare sempre dal punto di vista comunicativo.

Hai bisogno di aiuto in Temi di Italiano Svolti?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email