Stima delle aree edificabili

L’area edificabile è un terreno su cui, in base agli strumenti edilizi in vigore, è possibile costruire un nuovo fabbricato. I comini approvano i piani urbanistici di loro competenza con lo scopo di rendere lo sviluppo urbano ordinato e armonico con il territorio, tutelando le attività umane di produzione e di consumo. I principali strumenti edilizi a livello comuna da cui dipendono le potenzialità edificatorie di un are sono:
- Piano regolatore generale;
- I piani attuativi;
- il regolamento edilizio.
In seguito alla presentazione di un progetto che rispetti gli strumenti edilizi in vigore, il comune rilascia il permesso di costruire. Il permesso è oneroso e comporta il pagamento del contributo di costruzione.

Licenza edilizia, concessione edilizia e permesso di costruire

La licenza edilizia è la prima forma di titolo abitativo per l’edificazione prevista dalla normativa italiana. E’ stata introdotta con la fondamentale legge urbanistica N° 1150/1942 ed era richiesta solo per edificare in determinate zone del territorio comunale. Dal 1° settembre 1967, dopo la promulgazione della legge n° 765/1967 la licenza edilizia era necessaria per edificare qualsiasi cosa. Con la legge Bucalossi, n° 10 del 28 gennaio 1977, è stata introdotta la concessione edilizia, con la quale il diritto di edificare è diventato oneroso. Infine il testo unico sull’edilizia, DPR n° 380/2001 in vigore dal 1° gennaio 2002 ha denominato di nuovo il titolo abilitativo per poter edificare in permesso di costruire.

Hai bisogno di aiuto in Tecnica delle costruzioni?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email