Video appunto: Acqua per gli impasti

Acqua per gli impasti



L’acqua per gli impasti deve essere limpida, non deve contenere Sali in percentuali dannose e non deve essere aggressiva; la sua temperatura non deve superare i sessanta gradi centigradi.
L’acqua è indispensabile nel calcestruzzo per determinare il fenomeno di presa, per questa reazione chimica è sufficiente una quantità di trenta litri per cento chilogrammi di cemento; l’acqua a contatto con i granuli del cemento formano una massa gelatinosa che l salda.


Il rapporto acqua / cemento deve essere di 0.4.
Ma, le maestranze, per ragioni economiche, tendono a fare presto aumentando la quantità di acqua, per fare scivolare il calcestruzzo al suo posto. Ma l’eccesso di acqua risulta molto dannoso per tanti motivi, per esempio: diminuisce notevolmente la resistenza del calcestruzzo, fa aumentare il ritiro del calcestruzzo, e si può anche verificare che gli inerti si separino.

In un metro cubo di impasto troviamo: 0.400 metri cubi di sabbia, 0.800 metri cubi di pietrisco, 300 chilogrammi di cemento e 120 litri di acqua.
Di questi 120 litri, 90 litri servono per la presa, invece i restanti 30 litri servono per dare all'impasto la lavorabilità.