Ominide 55 punti

Inghilterra - La Seconda Rivoluzione (o Gloriosa Rivoluzione) del 1688

Alla morte di Cromwell l'Inghilterra era un Paese diviso, ma nel 1660 salì al trono Carlo II Stuart, figlio di Carlo I. Questi riprese la politica accentratrice del padre e, durante un conflitto con il Parlamento, egli emanò un documento chiamato Habeas Corpus che sanciva il diritto a tutte le persone di essere giudicate secondo quanto stabilito dalle leggi. Dopo Carlo II, salì al trono Giacomo II che voleva riammettere nella vita pubblica i cattolici e per questo il Parlamento si coalizzò e decise di concedere la Corona d'Inghilterra a Guglielmo d'Orange.
Nel 1688 Guglielmo d'Orange sbarcò in Inghilterra e, mentre Giacomo II fuggiva, giunse pacificamente a Londra.
Questa fu chiamata la Gloriosa Rivoluzione, o Rivoluzione senza sangue, perché avvenuta senza spargimento di sangue.
Il Parlamento pose dei limiti al potere del nuovo sovrano. Il sovrano non poteva emanare nuove tasse, dichiarare guerra o modificare il sistema elettorale senza prima aver interpellato il Parlamento. Guglielmo s'impegnò a rispettare l' Habeas Corpus e il Bill of Rights, con il quale si vincolava il sovrano al rispetto delle leggi parlamentari. Il sovrano avrebbe dovuto rispettare i diritti dei propri sudditi. Venne garantita la libertà di coscienza (con l'esclusione dei cattolici) e il diritto di associazione. Di conseguenza nacque una monarchia parlamentare basata sul rispetto dei diritti dell'individuo e sul Parlamento eletto dai cittadini.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email