Suzy90 di Suzy90
Moderatore 9414 punti

[La rivoluzione francese: schema riassuntivo


1798 = ministro del bilancio de Brienne scioglie i parlamenti e istituisce una Corte plenaria di nomina regia. È un vero e proprio colpo di stato. In seguito de Brienne viene sostituito da Necker, che convoca gli stati generali.

1789 = Stati generali a Versailles. Il re ordina di votare a camere separate.
14 giugno: presa della Bastiglia. Viene fondata la Guardia Nazionale, comandata da La Fayette. Scoppiano rivolte nelle campagne.
17 giugno: il terzo stato si autoproclama Assemblea Nazionale Costituente.
20 giugno: giuramento della Pallacorda. Luigi XVI reagisce e assedia Parigi.
4 agosto: fine dell’antico regime, vengono aboliti i diritti feudali.
26 agosto: Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino. Il re viene imprigionato a Parigi nel Louvre, molti nobili emigrano.

1790 = Costituzione civile del clero: i beni della Chiesa vengono sequestrati e ceduti ai privati tramite gli assegnati. Gli uomini della Chiesa devono ora giurare fedeltà alla costituzione. La Francia viene divisa in dipartimenti, distretti, cantoni, municipalità. Il potere esecutivo è in mano al re, che ha diritto di veto sospensivo; il potere legislativo appartiene all’Assemblea Nazionale, eletta con suffragio censitario (possono votare solo i maschi adulti attivi, cioè proprietari).

1791 = il re fugge insieme a Maria Antonietta e ai figli; la famiglia viene riconosciuta a Varennes e riportata a Parigi. Il club estremista dei giacobini prende il potere.
17 luglio: la manifestazione nel campo di Marte dei Cordiglieri (estremisti antimonarchici) viene dispersa dalla Guardia Nazionale.
Nell’Assemblea nazionale legislativa si formano due partiti: i controrivoluzionari e i giacobini.

1792 = trattato di Pillnitz: il re e il primo ministro girondino Brissot dichiarano guerra ad Austria e Prussia. I sanculotti iniziano ad acquisire importanza, guidati da Marat, Robespierre e Danton.
10 agosto: i sanculotti assediano il palazzo reale e imprigionano il re: tutto il potere passa alla Comune di Parigi. Viene creata la Convenzione nazionale.
20 settembre: volontari sanculotti sconfiggono i prussiani a Valmy e poi gli austriaci a Jemappes. Si tiene la prima seduta della convenzione nazionale, in cui la Francia diventa una Repubblica.
22 settembre: viene istituito il calendario rivoluzionario.

Primavera 1793 – estate 1974 = periodo del Terrore. Scristianizzazione.

1973 = la Convenzione nazionale stabilisce un tribunale rivoluzionario.
21 gennaio: Luigi XVI viene decapitato.
Scoppia la rivolta federalista guidata dai girondini. Marat viene assassinato da Charlotte Corday. Danton (giacobini moderati) viene accusato di tradimento e giustiziato. Viene distrutto anche il partito degli Arrabbiati di Hebert. Viene imposta una leva di 300000 uomini. La Vandea si ribella.

1 agosto: la Convenzione dichiara guerra alla Vandea.

28 luglio 1794: Robespierre viene arrestato e giustiziato. Fine del Terrore e Costituzione dell’anno III.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email