kiara93 di kiara93
Erectus 1265 punti

La città medievale

Tra il IX e il X secolo ci fu una riduzione dell'urbanizzazione e le città non erano abitate da più di cinquemila o seimila abitanti; la loro sopravvivenza era dovuta ai Vescovi che vi risiedevano, insieme ai funzionari, gli amministratori, gli esperti della legge, gli artigiani e i negozianti.
Tra l'VIII e il XI secolo sorse il centro urbano mercantile di Venezia che commerciava sale nella pianura padana; nel 1082 aiutò Costantinopoli a fronteggiare i Normanni, con questo aiuto avevano ottenuto privilegi commerciali entro i confini dell'impero d'Oriente. Nel 972, con la scomparsa della pirateria saracena, iniziò l'ascesa di Pisa e Genova, che svilupparono una pirateria ai danni dei Saraceni e riuscirono a stabilirirsi in Spagna, Tunisia, Sicilia ed Egitto.

Nell'XI secolo si assiste ad una ripresa dell'urbanizzazione ed alla crescita economica, le città si caratterizarono in attività mercantili e artigianali e questi abitanti e lavoratori delle città costituirono nuova classe sociale chiamata borghesia.
Le città ebbero forme diverse: alcune sono sorte dalle rovine delle vecchie città romane, altre dalla fondazione di una cittadella fortificata o di mercato e altre ancora in seguito al sorgere di colonie vicino ai centri già esistenti.
Nell'XI-XII secolo si affermavano, in Europa, due modi di vivere diversi: le città fiamminghe e tedesche realizzarono una convivenza fra il potere laico e il potere vescovile, e non ebbero molto interesse verso il contado e le campagne, perchè vivevano soprattutto di artigianato e commercio; in Italia invece si affermò il Comune, che esercitava poteri spettanti all'imperatore e creava i propri magistrati, ma la nobiltà era molto legata alla proprietà terriera e rimaneva legata al mondo contadino.
Lo sviluppo delle città comportò, in tutta l'Europa, la conquista della libertà per i contadini lasciavano le campagne.

Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove