Sapiens Sapiens 11293 punti

Eleonora di Aquitania


E’ una delle figure femminili più affascinanti dell’ Europa medioevale. Erede di Guglielmo X, duca di Aquitania, a quindici anni sposò LUIGI VII, re di Francia a cui portò in dote un vastissimo territorio che oggi corrisponde alle seguenti regioni francesi: Poitou, Aquitania, Limousin, Périgord, Guascogna e parte dell’Auvergne. Secondo la grafia del nome in lingua d’oc, nei testi si trova il nome Aliénor.
A quell’epoca il sud della Francia era il centro di una civiltà molto raffinata con un livello culturale sconosciuto sia alla corte francese che a quella inglese.
Donna dal carattere molto forte, convinta dalle prediche di Bernardo di Chiaravalle, essa riuscì a convincere il marito a prendere alla II.a crociata. La crociata fu la causa della separazione da Luigi VII perché in quell’occasione essa si innamorò dello zio Raimondo di Poitiers, principe di Antiochia. Fu necessario l’intervento del Papa per riconciliare i due sposi. Tuttavia l’ accordo ritrovato non durò a lungo perché Eleonora ebbe una nuova relazione extraconiugale, questa volta con Enrico il Plantageneto, duca di Anjou e della Normandia nonché re d’Inghilterra e soprattutto di nove anni più giovane di lei. Esasperato, Luigi VII acconsentì all’annullamento del matrimonio e le nozze fra Enrico ed Eleonora ebbero luogo. Questo matrimonio ebbe delle conseguenze politiche incalcolabili perché i territori di Eleonora, avuti come eredità dal padre, passarono al re d’Inghilterra e saranno necessarie tantissime guerre affinché il re di Francia potesse riacquisirli.
Eleonora favorì la letteratura e le arti figurative, circondandosi di pittori, trovatori ed artisti. Si interessò anche di amministrazione ed economia perché cerco di unificare le varie monete ed unità di misura al fine di favorire gli scambi commerciali. Nella capitale della sua terra natale, Poitiers, essa teneva una “corte d’amore” la cui attività consisteva nel dibattere le questioni amorose più sottili; venivano assegnati dei temi da trattare in prosa o in poesia, oppure avevano luogo delle gare letterarie al termine delle quali le dame rilasciavano un premio ai vincitori. Piano piano, essa cominciò a staccarsi dal marito a causa delle sue numerose e ripetute infedeltà. Arrivò perfino a tramare contro di lui, organizzando una rivolta, con il sostegno di tre dei suoi quattro figli (fra di essi i futuri Riccardo Cuor di Leone e Giovanni Senza Terra). Quando nel 1192, suo figlio Riccardo Cuor di leone fu fatto prigioniero da Enrico VI, si dette da fare per accumulare l’ingente somma richiesta per il riscatto, imponendo nuove tasse ed obbligando le chiese a farsi consegnare degli oggetti preziosi. Morì nel 1204 a 82 anni, un’età venerabile per quel tempo.
Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Eleonora di Aquitania