Sapiens Sapiens 11888 punti

Le Repubbliche marinare

Amalfi: Fin dal secolo X è centro attivissimo dei commerci col Levante. Raccoglie un primo codice di leggi marittime. Introduce l’uso della bussola (Flavio Gioia).
Si distingue nella battaglia di Ostia contro i Saraceni.
È soggiogata dai Normanni nel 107 e poi sconfitta dai Pisani.

Pisa: Recasi indipendente alla fine dell’800, si regge a repubblica.
Trae vantaggi economici e commerciali dalle crociate. Scaccia con Genova i Saraceni dalle isole della Corsica, Sardegna ed Elba. È poi sconfitta da Genova.

Genova: Recasi indipendente dal vescovo-conte, elegge propri magistrati.
Sconfitta Pisa, rimane padrona dei commerci nel Mediterraneo occidentale.
Spossata dalle guerre contro Venezia, non sa risollevarsi.

Venezia: Sorge al tempo delle invasioni barbariche. Trascurata da Bisanzio, elegge nell’800 il primo doge. Vince i pirati slavi (Schiavoni) ed occupa le coste dell’Istria e della Dalmazia. Trae grande profitto dalle crociate, specie dalla IV.
Riavutasi presto, dopo le guerre con Genova, diviene la dominatrice dell’Adriatico e dei mari orientali.

Guerre tra le Repubbliche marinare

- Pisa distrugge quasi completamente Amalfi (1135).
- Genova vince Pisa alla Meloria nel 1284 e diviene padrona del Tirreno.
- Genova vince a Curzola (1298) poi, durante la guerra di Chioggia (1378-1381), vince nuovamente a Pola ed occupa Chioggia.
- Venezia assedia i Genovesi a Chioggia e li costringe alla resa. Tra le due rivali viene fatta la pace di Torino (1381) per intervento di Amedeo VI di Savoia.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze