Sapiens Sapiens 12229 punti

Principi più importanti di Casa Savoia


Umberto Biancamano: È capostipite della dinastia, vissuto verso il 1000.
Amedeo VI: il Conte Verde (1343-1383). Ingrandisce e potenza lo stato. Con lui i Savoia incominciano ad intromettersi nelle vicende politiche d’Italia. Nel 1381, infatti, egli si fa arbitro, nella pace di Torino, fra Genova e Venezia.
Amedeo VII: il Conto Rosso (1383- 1391). Ottiene la dedizione di Nizza.
Amedeo VIII: il Pacifico (1391-1440). Eredita i territori dei vari rami della Casa. Conquista Domodossola, Vercelli, Chivasso, Asti, Alba, Cherasco. Ottenne dall’imperatore il titolo di Duca.
Carlo III: il Buono (1504- 1553). Debole e sfortunato, vede cadere in rovina il proprio stato, che, durante le guerre tra Carlo V e Francesco I, viene occupato dalla Francia.
Emanuele Filiberto (1559-1580). Nominato comandante generale dell’esercito spagnolo, durante la guerra tra Filippo II ed Enrico II, ottiene una vittoria decisiva sui Francesi a S. Quintino (1557). Con la pace di Cateau- Cambrésis nel 1559 viene restituito ai Savoia il loro stato.
Emanuele Filiberto getta le basi della futura potenza del Piemonte riorganizzando l’esercizio e portando la capitale da Chambéry a Torino.
Carlo Emanuele I (1580-1630). È uno dei più grandi principi italiani del tempo. Nel 1601 ottiene il marchesato di Saluzzo in cambio di terre dei Savoia oltre il Rodano.
Vittorio Amedeo II (1675-1730). Riesce ad inserirsi col suo piccolo stato nella lotta politica delle grandi potenze europee. Prende parte alla guerra di successione spagnola, durante la quale vede Torino assediata dai Francesi. La città, per la quale si sacrifica Pietro Micca, è salvata dall’intervento di Eugenio di Savoia. Con la fine della guerra (pace di Utrecht – 1713 e di Rastadt – 1714) Vittorio Amedeo ottiene prima la Sicilia e poi, in cambio di questa, la Sardegna col titolo di Re di Sardegna, ed inoltre il Monferrato ed Alessandria.
Carlo Emanuele III (1730-1773). Con la pace di Vienna (1738), che pone fine alla guerra di successione polacca, aggiunge al suo regno Novara e Tortona e, dopo la guerra di successione austriaca (pace di Aquisgrana- 1748), annette Vigevano, Voghera e l’alto Novarese, portando il confine del Piemonte sul Ticino.
Già molti Italiani guardano ai Savoia come agli unici possibili redentori della patria, oppressa e divisa.
Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze