L'opera di Cavour e l'impresa di Pisacane


Come ministro dell’agricoltura prima e presidente del Consiglio poi, Cavour, riuscì a fare del Piemonte uno stato assai bene organizzato. Riorganizzò le finanze, l’esercito, eliminò ogni ingerenza della Chiesa nella vita dello stato («Libera Chiesa in libero Stato» era il suo motto), portando avanti una politica già iniziata dal governo d'Azeglio (con le leggi Siccardi del 1850, che riducevano i privilegi ecclesiastici), promosse l’istruzione e i lavori pubblici (dal 1849 al 1859 si costruirono in Piemonte 850 km di ferrovie).
Ma l’opera più importante dei Cavour è certamente rappresentata dai suoi sforzi per inserire il Piemonte nel gioco diplomatico delle grandi potenze europee.
Egli comprendeva che senza l’appoggio di almeno una delle grandi potenze europee la causa italiana non avrebbe mai avuto successo, perchè ormai gli avvenimenti storici avevano fatto sì che le nazioni più deboli (o le regioni che ancora non erano nazioni) non potessero più disporre di autonomia politica. Tutto quanto avveniva in Europa interessava le nazioni più forti e dipendeva dai loro interessi.
Questa politica apparve più che mai necessaria quando si constatò l’ennesimo fallimento di un tentativo di tipo mazziniano.
Carlo Pisacane (1818-1857), un ex ufficiale dell’esercito borbonico di Napoli, che nel 1848 aveva combattuto in Lombardia e poi in difesa della Repubblica romana, che aveva scritto dei libri in cui si diceva con chiarezza che la rivoluzione italiana doveva farsi colla partecipazione cosciente del popolo, nel 1857 tentò un’azione insurrezionale nel Regno delle due Sicilie. Impadronitosi, insieme con un gruppo di animosi compagni, del piroscafo Cagliari, dirottò la nave verso l'isola di Ponza, ove liberò circa 300 detenuti politici. La nave approdò poi a Sapri e gli insorti si avviarono verso l’interno, cercando di far ribellare i contadini, Costoro, diffidenti e ignoranti, non si mossero; nel vallone dì Sanza il gruppo, assalito da soldati borbonici e da contadini del luogo, venne trucidato.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email