Gli Inca

Furono una popolazione che si stanziò nella Valle di Cuzco nell'America del Sud.
STORIA.
Gli Inca giunsero a Cuzco attorno al 1250 d.C e prima dell'arrivo dei conquistadores spagnoli parlavano il
quechua. La storiografia ufficiale incaica, impegnata a giustificare la repentina ascesa dell'esiguo gruppo al
potere, rimane avvolta da un gruppo di miti, tra cui molto significativo è quello di Manco Capac, fondatore di
Cuzco. Durante il régime dei primi sette re gli Inca si imposero sulle altre popolazioni della valle, mentre
l'ottavo, tentò di espandersi oltre Cuzco. I più temibili avversari furono i chanca, una federazione di tribù
localizzate a nord della valle, che conquistarono la capitale durante gli anni finali del suo regno, Yupanqui,
figlio di Virococha (ottavo re), riuscì a sconfiggere i chance, diventando re (1438) e trasformando il piccolo
stato degli Inca in un vasto impero. A sud est, fortunate campagne portarono all'annessione di tutto l'altopiano
boliviano e dell'Argentina nord-occidentale, mentre in Cile il confine fu stabilito sul Rio Maulé. Morto Tupa
Yupanqui, gli successe Huayna Capac, che si dedicò al consolidamento delle conquiste dei suoi predecessori.
Egli morì durante un'epidemia senza nominare un predecessore; e così venne incoronato Huascar. Ma
Atahuallpa figlio di Huayna fece scoppiare una guerra civile per ottenere il trono, uscendone vittorioso; egli
però non fu mai incoronato, infatti fu solo imprigionato e mandato a morte. Nel 1536 Manco Capac II cercò
di conquistare la capitale, precedentemente invasa dagli spagnoli. Non riuscendoci si rifugiò a Vitcos che
divenne per ca. 40 anni la capitale della resistenza incaica. Egli fu assassinato e due sovrani dopo, Vitcos fu
conquistata dagli spagnoli. Nel XVIII sec. si verificò la rivolta di un nobile Inca che nel 1780 assunse il nome
di Tupac Amaru II e riuscì a far sollevare 60.000 contadini. Catturato nel 1781, venne giustiziato a Cuzco.
ORGANIZZAZIONE SOCIALE E POLITICA
La cellula dell'organizzazione era l'ayllu, costituito da un gruppo di individui solidali tra loro. LA popolazione
era divisa in decurie composte da 10 capifamiglia; al di sopra vi erano le decurie superiori, le centurie, le
sezioni, le sottoprovince e le quattro province che formavano l'impero. I funzionari controllavano
costantemente ogni famiglia; persone e cose venivano registrate nei quipu che venivano portati in un centro di
raccolta a Cuzco. La terra era divisa in tre parti: una per il clero, una per i membri dell'ayllu e l'altra andava
all'Inca. Al vertice della classe nobiliare si trovava lo Sapa Inca, il sovrano, che veniva scelto dal suo
predecessore, ed era in genere il maggiore dei figli della sua legittima moglie (una sua sorella germana).
In epoca tarda i nobili affiancarono al sovrano quattro apu che formano il maggiore organismo politico e
amministrativo.
ATTIVITÀ ECONOMICHE
Il controllo centralizzato della produzione annullava il libero commercio e ogni forma di moneta o di scambio.
La principale attività economica era l'agricoltura (specialmente di mais). In alcune zone si allevavano lama e
alpaca; anche la pesca era molto praticata, mentre la caccia era riservata ai nobili.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email