Ominide 500 punti

L'inizio della guerra fredda

Mentre l'Onu si dibatteva sul disarmo, già a partire dal 1946 il governo americano sospeso ogni informazione agli altri paesi nuovi esperimenti nucleari che stava conducendo, tutto questo allo scopo di garantirsi l'esclusiva della bomba atomica.
dal canto suo l'unione russa socialista sovietica intensificò le proprie ricerche scientifiche a riguardo, fino sperimentare la sua con la sua prima bomba atomica nel 1949. Le due superpotenze mondiali avevano dunque iniziato una frenetica, dispendiosa, estenuante competizione per dotarsi di armi sempre piùmi le ali, sofisticate e letali.
La contrapposizione che viene a crearsi tra Stati Uniti e unione russa socialista sovietica nei decenni successivi alla fine della seconda guerra mondiale è definita guerra fredda, ovvero non combattuta sul campo, in quanto la rivalità si è mantenuta sempre sul piano della polemica e della propaganda, senza scoppiare in un conflitto armato. Proprio processo di armi nucleari e quindi la consapevolezza del rischio di mutamento reciproco che veniva a crearsi posero un freno all'inizio di vere proprie azioni di guerra, guerra che sarebbe stata distruttiva a casa di queste nuove tecnologie: questo stato di cose è chiamato equilibrio del terrore.

La guerra fredda è una sorta di dichiarazione formale il 12 marzo 1947, quando il presidente americano e non c'ho quella che è stata chiamata la dottrina Truman: l'impegno degli stati uniti d'America a intervenire a sostegno dei popoli liberi contro l'espansionismo comunista in Oropa e in Asia. In risposta a questo affronto Stalin creò un organismo chiamato ufficio di informazione dei partiti comunisti nel mondo, chiamato Cominform. Questo ufficio raccoglieva i partiti comunisti dell'est e dell'Occidente fedeli al partito comunista sovietico. Nel arco di pochi anni, in Europa si crearono due schieramenti militari contrapposti: gli Stati uniti e i loro alleati occidentali dettero vita, nel 1949, a un'alleanza denominata fatto Atlantico, ovvero la Nato; sovietici e il paese dell'est, nel 1955, costituirono il patto di Varsavia. L'Europa così si divideva in due blocchi: un occidentale che si presentava come portatore di valori della democrazie della libertà, è un orientale, legato all'ideologia comunista. Inoltre in quegli anni, in riferimento alle condizioni economiche delle varie parti del pianeta, si comincia parlare di tre mondi: il primo mondo, quello nord-occidentale, industrializzato, economicamente sviluppato, democratico; il secondo mondo, quello comunista; e il terzo mondo, quello e economicamente sottosviluppato.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità