sc1512 di sc1512
Ominide 5764 punti

-Il Secondo Ciclo Politico Italiano della DC-

L’insuccesso dell’operazione elettorale precedente porta alla crisi di De Gasperi all’interno della DC, ma non la crisi della DC stessa.
A questo punto, allora, si apre un secondo ciclo politico.
Tra il 1957 e il 1960 la DC sembra orientarsi verso la formazione di maggioranze di centro-destra.
Le coalizioni di questo periodo includono il Movimento Sociale Italiano (MSI), partito fondato da ex membri della Repubblica Sociale Italiana; il MSI si presenta come un partito che si fa portatore degli ideali del passato regime fascista.

Il Presidente della Repubblica, il democristiano Giovanni Gronchi dà a Ferdinando Tambroni, un esponente democristiano, l’incarico di formare un nuovo governo. Tambroni decide di costituire un governo di soli democristiani e di avvalersi dei voti dei parlamentari del MSI al momento del voto di fiducia (l’MSI era visto male perché contro le basi ideali su cui era nata la Repubblica).

La situazione politica si fa critica quando Tambroni concede al MSI di tenere il suo congresso a Genova, nonostante l’opposizione dei partiti democratici della città.
Esplode così una rivolta popolare a Genova dal 30 giugno al 2 luglio del 1960.
Alla fine il MSI decide di non tenere il suo congresso a Genova; mentre Tambroni è costretto a dimettersi.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email